Connect
To Top

Orlando Bloom: in “Romans” è un giovane operaio abusato

L’attore parla di un tema corrente 

Orlando Bloom, padre di un bimbo di sei anni, divo del cinema e ambasciatore Unicef, è tornato nelle sale con un film che sfida le notizie sugli scandali che stanno travolgendo il mondo dello spettacolo e non solo. L’attore, infatti, è presente nel film “Romans”, presentato nel Festival del cinema di Roma e in un periodo controverso. 

L’attore hollywoodiano ha volutamente presentato il film, rilasciato già la scorsa estate, per discutere di un tema molto delicato come quello degli abusi. Ultimamente, infatti, il mondo dello spettacolo è tristemente protagonista di ogni notizia proprio a causa degli scandali che lo hanno coinvolto. Non appena ha letto il copione, Orlando Bloom si è rimasto colpito un ruolo particolare.

 

Julia Roberts in scena contro il bullismo: ecco “Wonder” |SCOPRI

https://www.instagram.com/p/BbIXuqXgyC_/?hl=it&taken-by=orlandobloom

Taylor Swift, la regina delle prevendite con “Reputation” |LEGGI

Orlando infatti interpreta Malky, un operaio che deve fare i conti con il trauma di un abuso sessuale, subito in età adolescenziale da un prete. Dopo una lunga conversazione con lo sceneggiatore, l’attore dice: “Mi ha catturato la sua personalità e mi sono reso conto che avrei potuto concedermi questa sfida, scegliendo un ruolo che avrebbe allargato i miei orizzonti”. 

Gal Gadot per People: un incontro con le vere Wonder Women |LEGGI

Dopo aver sottolineato la complessità di interpretazione di un personaggio come Malky, l’attore racconta: “Ho capito che le vittime di abusi sessuali non riescono ad andare avanti e ad affrontare la vita quotidiana senza un supporto e senza la possibilità di tirare fuori ciò che si tengono dentro. Per questo, come attore, ho avvertito un forte senso di responsabilità nei confronti del personaggio e soprattutto della persona a cui volevo rendere giustizia”.

Sara Macchi



Articoli simili in Cinema