Connect
To Top

Maneskin: “Ecco perché Licitra ha vinto X Factor. Sessualità? Niente di fluido”

I secondi a X Factor dicono la loro sul talent

Damiano dei Maneskin ne è convinto e spiega a chiare lettere il motivo, a suo dire, della vittoria di Lorenzo Licitra a X Factor 11: “Lorenzo è un grande cantante ma dentro X Factor è diventato, giornata dopo giornata, un vero performer e questo lo ha reso un fenomeno”. E Licitra ai microfoni di Rumors ringrazia: “E’ uno splendido complimento fatto da un gruppo che ha un frontman che è un grandissimo performer”.

Probabilmente è proprio così, Licitra ha saputo combattere nello stesso campo dei Maneskin, quello della performance complessiva sul palcoscenico. Ma il gruppo giovanissimo lancia una frecciatina al pubblico italiano: “D’altra parte questo era X Factor Italia, se facessero X Factor International magari vinceremmo noi… ma di esperienze a X Factor ci basta questa”.

Festival di Sanremo: ecco i cantanti in gara nell’edizione 2018 | LEGGI

Già disco d’oro e con migliaia di fan acquisiti i Maneskin guardano al loro futuro, focalizzatissimi e perfezionisti in ogni aspetto del loro lavoro. Nulla è lasciato al caso, nonostante alcuni dei componenti della band non abbia nemmeno raggiunto la maggiore età.

Le interviste ai finalisti di X Factor 11 | GUARDA

Vogliono dimostrare di essere, prima di tutto, sostanza, e non solo immagine. E quando chiediamo a Damiano dell’etichetta di simbolo di una sessualità fluida che gli è stata assegnata da certi media lui ci scherza su: “Riguardo a quella faccenda del liquido… non c’è nulla di liquido, mi piace esagerare e divertirmi, ma sono saldo sulla mia sponda. Su quell’aspetto sono come Nigiotti”.

La brutta gaffe di Nigiotti a X Factor | LEGGI

Giunti secondi ma divenuti già famosi i Maneskin dicono di non avere rimpianti: “Non abbiamo rimorsi, abbiamo una vita intera per fare di più e si può sempre fare di più. Usciamo con il sorriso, fieri contenti e orgogliosi di quello che abbiamo fatto a X Factor”.




Articoli simili in Televisione