Connect
To Top

Sanremo 2018, Duccio Forzano: “Baglioni mi ha salvato la vita”

Il regista di Sanremo si confessa a Spy

Duccio Forzano, regista di diverse edizioni di Sanremo tra cui proprio quella di quest’anno, si confessa a Spy, in edicola domani, venerdì 16 febbraio. Deve tutto a Claudio Baglioni. Prima che quest’ultimo lo scoprisse, Duccio non se la passava affatto bene: era senza soldi per pagare l’affitto e senza corrente in casa.

“Claudio Baglioni mi ha salvato la vita. Quando mi ha chiamato non avevo i soldi per le bollette e l’affitto” confessa il regista del Festival. Lo considera il suo mentore, è proprio grazie al cantante se è riuscito a superare quel brutto e complicato periodo. “Io arrancavo nella vita, prima che lui mi scoprisse: gli devo tutto”.

 

Il dj Baldini si confessa: il vizio del gioco |SCOPRI

Top. Squadra di operatori di ripresa.

A post shared by Duccio Forzano (@duccioforzano) on

“Stavo vivendo forse il momento più ‘basso’ della mia giovinezza: ero senza soldi, senza corrente in casa e non pagavo l’affitto. Claudio aveva sentito parlare di me e mi fece chiamare dalla sua casa discografica, la Sony, per propormi di realizzare il videoclip della canzone ‘Bolero'”. A primo impatto incredulo il regista accetta la proposta.

Le minacce a Miley Cyrus |LEGGI

Gli dissero che non avevano molti soldi per il progetto, ‘solamente’ 17 milioni di lire. Duccio, che in quel momento non ne aveva neanche 450 mila, ovvero il necessario per pagarsi l’affitto di casa, accettò immediatamente e così iniziò la sua brillante carriera. Dopo aver svolto diversi lavori, dal lavapiatti al carrozziere, è arrivato finalmente il momento di svolta.

Ultimo: vince Sanremo 2018 nuove proposte |SCOPRI

Abbandonato dalla madre, il regista si è dovuto rimboccare le maniche fin da molto giovane, ma ad oggi è estremamente soddisfatto di ciò che è diventato: “Ho iniziato a lavorare a 13 anni e ho fatto davvero di tutto. Solo così ho capito che lavorare è una cosa, fare il mestiere che faccio oggi io è un’altra. Potrà essere stressante, ma sono pagato per fare quello che mi piace: mi ritengo un privilegiato”. 

 




Articoli simili in Personaggi