fbpx
Connect
To Top

Cosmo: il suo inarrestabile successo passa per il Fabrique di Milano

Sold Out nella mitica discoteca meneghina

Straordinario successo lo scorso sabato con un Fabrique rigorosamente sold out per la prima data milanese di Cosmotronic Tour, il nuovo tour di Cosmo, che tornerà nel capoluogo lombardo il 12 aprile.
Partito con uno strepitoso tutto esaurito lo scorso 16 marzo dal Link di Bologna Cosmotronic Tour è arrivato finalmente in Italia dopo il grande successo della leg europea che ha collezionato sold out a Parigi, Lussemburgo, Londra e anche Berlino nel tempio della musica techno mondiale.

Un tour che ha registrato ancor prima della partenza un eccezionale boom di vendite: infatti, oltre ai live esauriti di Milano e Bologna, sold out anche gli appuntamenti di Firenze, Torino, Roma e Bari.

 

Un grande ritorno live quello di Cosmo, che sta portando nei club più importanti d’Italia un format che nessun artista italiano ha mai tentato prima: un vero e proprio Mini Festival, un Party Itinerante con al centro la sua musica ma anche quella dei tanti ospiti che animano tutte le serate.

Le Spice Girls stanno tornando: un nuovo progetto in arrivo |LEGGI

In queste serate uniche che fanno ballare fino a mattina sono presenti alcuni dei migliori dj e produttori italiani che gravitano intorno al mondo della club culture. Vere e proprie leggende come Lory D e Daniele Baldelli a cui si uniscono nomi di assoluto valore come Francisco e Stefano Ritteri, Not Waving, Elisa Bee, Hugo Sanchez, Bawrut e gli Underspreche.

Cosmo/ Foto: LLUM Collettivo – Torino

Cosmo ha scelto di coinvolgere in questo ambizioso progetto anche Ivreatronic, il collettivo di dj e produttori eporediesi di cui lui stesso fa parte, e che per la prima volta varca i confini cittadini grazie Enea Pascal che aprirà le serate con il suo live set. Il pubblico può assistere anche ai dj set di Splendore e Foresta a cui occasionalmente potrebbe unirsi proprio Cosmo.

Man V Food – La sfida: partecipa anche tu alla “Challenge Burger” |LEGGI

La scaletta è ricchissima e comprende sia i brani estratti da COSMOTRONIC, l’ultimo doppio album di inediti del dj e producer uscito lo scorso 12 gennaio per 42 Records/Believe, sia i più grandi successo del suo repertorio.
Il set parte con Bentornato, che è anche la opening track dell’album, un vero e proprio manifesto programmatico del nuovo progetto discografico di Cosmo; seguito da Le voci, brano che invece fa parte del precedente album L’ultima festa. Si torna poi al presente con Tutto bene, Quando ho incontrato te; il singolo attualmente in rotazione radiofonica che ha già superato il milione di streaming su Spotify, Tristan Zarra; la canzone più sperimentale e audace del disco che vede la partecipazione straordinaria di parenti, amici e colleghi di Cosmo come Francesca Michielin, Calcutta e Giacomo Laser e poi Ho vinto. Si prosegue con i brani strumentali che fanno parte della seconda parte di Cosmotronic: Ivrea/Bangkok, Barbara, Attraverso lo specchio, La notte farà il resto, per poi passare a Le cose più rare; brano estratto da Disordine, l’album di esordio da solista di Cosmo e si ritorna poi al mondo di Cosmotronic con Tu non sei tu. Chiudono il set Sei la mia città, il singolo-tormentone pubblicato la scorsa estate che ha fatto da apripista a questo nuovo progetto discografico, L’amore, Animali, Turbo, altro brano di grande successo che per la quarta volta consecutiva ha lanciato il dj e producer di Ivrea nella top 50 dei brani più passati dalle radio italiane e si arriva al gran finale con L’ultima festa, la hit più famosa di Cosmo e title track del suo secondo progetto da solista certificato disco d’oro.

Fabrizio Frizzi, l’addio social di amici e colleghi |LEGGI

Uno show particolarissimo, quello di Cosmo, enfatizzato anche da un set up di luci molto diverso e lontano da quello dei normali concerti pop. L’idea, infatti, non è tanto quella di illuminare i musicisti, ma far sì che appaiano e scompaiano di continuo fino a mettere al centro la musica, la vera protagonista degli show del Cosmotronic Tour, e quasi provare a disorientare il pubblico.
Guardare fissi il palco non è obbligatorio. Provare a perdersi nel flusso delle tracce di Cosmotronic invece sì.




Articoli simili in Musica