Connect
To Top

Rupert Everett regista e attore: ‘The happy prince’, il film su Oscar Wilde

“Noi gay dobbiamo prestare attenzione”

Rupert Everett è pronto. Dopo ben 10 anni di preparazione ecco che finalmente il 12 aprile esce il suo nuovo film ‘The happy prince’. Insomma, Everett è riuscito a realizzare il suo sogno. Non solo perchè è il regista, ma anche perchè la pellicola si basa sul personaggio che egli adora di più in assoluto, Oscar Wilde e che viene da lui stesso interpretato.

‘The happy prince’, che aveva già riscosso grande successo durante la presentazione allo scorso Festival di Berlino, ci porta in un viaggio malinconico, romantico e decadente che racconta una parte della vita di Oscar Wilde, soffermandosi sul rapporto con l’amico Reggie Turner (interpretato da Colin Firth) e l’agente letterario Robbie Ross (interpretato da Edwin Thomas), innamorato di Wilde, sull’esilio a Parigi, sulla parentesi felice a Napoli con l’amato Lord Alfred Douglas (Colin Morgan), sulla morte della moglie Constance (Emily Watson) e sul suo addio ‘poetico’ alla vita.

La forma dell’acqua: il film trionfo agli Oscar |LEGGI

 
Rupert Everett - The happy prince

Rupert Everett – The happy prince / Foto: Image.net

Marco Giallini: Io sono tempesta |SCOPRI

Rupert Everett torna a parlare di omosessuali

“Mi piacciono gli ultimi dieci anni del XIX secolo, li trovo romantici, così come l’ultima parte della vita di Wilde” – spiega Rupert Everett al Corriere della Sera mentre si trova a Roma dove sta girando la serie tv ‘Il nome della rosa’. L’attore e ora regista torna poi a parlare del mondo gay. Anche Everett è stato allontanato dall’industria cinematografica dopo il coming out e così spiega: “Se lavori nel cinema, un mondo aggressivamente eterosessuale e sei gay, prima o poi finisci con lo scontrarti con un muro di mattoni. Oggi la situazione è cambiata rispetto agli anni 80 e 90”. 

Antonio Albanese va ‘Contromano’ e contro il razzismo |LEGGI

Ma raccontare oggi Wilde è un modo per aprire gli occhi anche in questa epoca, che sotto alcuni aspetti, nonostante i passi avanti, ha ancora una mentalità in parte chiusa. “Nel film si parla di un uomo che viene distrutto perché omosessuale. Ancora oggi ci si identifica purtroppo, pensiamo a quello che succede in Giamaica, in Cina, in India, in Russa, e anche in Inghilterra e in Italia con la Lega. Assistiamo a degli atteggiamenti omofobi sempre più diffusi e pericolosi. È preoccupante che una città come Genova non sostenga il Gay Pride. Noi gay dobbiamo prestare attenzione ed essere vigili”, afferma Everett al Corriere con fermezza.

Martina Pennacchioli




Articoli simili in Cinema