Connect
To Top

Ermal Meta e Fabrizio Moro, in finale all’Eurovision Song Contest

Il premio tornerà in Italia?

Ermal Meta e Fabrizio Moro, reduci dal recente successo al Festival di Sanremo 2018, concedono un’intervista ai microfoni di Rumors.it, in occasione dell’Eurovision Song Contest 2018 (manifestazione musicale europea che quest’anno si terrà a Lisbona), in cui si dimostrano ironici e senza peli sulla lingua.

La canzone è stata modificata e portata a 3 minuti, come è richiesto dal regolamento, eliminando una parte strumentale e lasciando intatto il testo che non sarà tradotto: cantato in italiano ci saranno dei sottotitoli che scorreranno alle spalle dei due cantanti, speriamo che permetterà ai nostri di riportare il premio in Italia, dove manca dal 1990, anno in cui ha trionfato Toto Cutugno con Insieme: 1992.

Ermal Meta e Fabrizio Moro da Sanremo all’Europa per vincere l’ESC |LEGGI

 

Alla domanda sul perchè non suoneranno gli strumenti come invece fanno altri cantanti, Ermal Meta prontissimo risponde: “Nessuno di loro suona veramente, è tutto in playback, nessuno suona per davvero: è voce su base!” e Moro, dopo una risposta così, non può che scoppiare a ridere e lanciare un richiamo affettuoso al compare.

Emma delusa: “Il mio album non ha fatto i numeri che mi aspettavo” |LEGGI

Fanno anche finta di offendersi quando la nostra Francesca Bianfrè chiede come mai sono considerati l’oggetto misterioso di questo Festival: “Ma perchè siamo un oggetto, e poi perchè soprattutto in due siamo ‘un’ oggetto? Siamo due oggetti, e che oggetti!”, dice Ermal gonfiando il petto vanesio, “E poi perchè misterioso?”, rincara la dose Fabrizio Moro.

Jaspers, band di Quelli che il calcio: creatività lontano dai talent |LEGGI

Ma Meta si fa serio e sgombra il campo da ogni possibile dubbio: “Non faremo niente di speciale, canteremo il nostro pezzo, non ci saranno fuochi d’artificio, ballerine, se qualcuno si aspetta cose del genere non le avrà”. Insomma, non resta che aspettare la loro esibizione nella puntata finale del 12 maggio per vedere se saranno semplici e sobri oppure qualche sorpresa ci sarà.

Francesca Binfarè




Articoli simili in Best