Connect
To Top

Quarto Grado: 50 anni fa il primo delitto del Mostro di Firenze

Da Nuzzi parla Natalino Mele, testimone del primo delitto

Si tratta di uno dei più famosi casi di presunti serial killer della cronaca italiana. Nella puntata in onda questa sera, in prima serata su Retequattro, Quarto Grado si occupa del caso del cosiddetto Mostro di Firenze, la serie di otto duplici omicidi avvenuti nella provincia del capoluogo toscano tra il 1968 e il 1985.

Questa sera in particolare, alla trasmissione condotta da Gianluigi Nuzzi, con Alessandra Viero, assisteremo alle dichiarazioni di Natalino Mele. L’uomo, la sera del 21 agosto 1968 – 50 anni fa – si trovava a bordo di un’Alfa Romeo Giulietta con Barbara Locci e Antonio Lo Bianco, le prime due vittime della Beretta calibro 22 del mostro. Mele era figlio della Locci: aveva 6 anni e stava dormendo sul sedile posteriore dell’auto.

Claudia Gerini e le sue dichiarazioni sul nuovo governo | LEGGI

 

ph. Nicola Marfisi AGF

George Clooney e Amal Uniti contro Trump a favore dei bambini | LEGGI

Mele svelerà al pubblico di Retequattro in che modo avvennero gli interrogatori nei suoi confronti, il suo ritrovarsi da solo in un orfanotrofio dopo l’arresto del padre, le parole che gli venivano rivolte dai parenti e dei suoi ripetuti incubi che per sei anni, notte dopo notte, attanagliavano la sua mente e che riguardavano la morte della madre. Mele svela in aggiunta di non essere mai stato al cimitero a trovarla: “Ci dovrei andare… prima di morire lo farò”.

Ora o Mai Più forti emozioni con Amadeus nella terza puntata | SCOPRI

Per la vicenda, furono celebrati numerosi processi e si è giunti alla condanna definitiva di Mario Vanni e Giancarlo Lotti, noti come “compagni di merende”. Il terzo “compagno”, Pietro Pacciani, fu condannato all’ergastolo in primo grado e successivamente assolto in appello: morì prima di essere sottoposto a un nuovo processo di secondo grado, in seguito all’annullamento di tale sentenza da parte della Cassazione. 

di Ilaria Pascuzzi




Articoli simili in Televisione