fbpx
Connect
To Top

Rocco Siffredi su Salvini: “Lo potrei mettere in qualche scena”

Siffredi dice la sua sui ministri dell’Interno e del Lavoro

Il famoso pornoattore ha rilasciato un’intervista al magazine Rolling Stones in cui, oltre a discutere della sua carriera e dei suoi progetti, dà anche la sua opinione sull’attuale Ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Se la posizione della celebre rivista musicale si è posta nettamente in contrasto con quest’ultimo, con una recente copertina che appunto recitava “Noi non stiamo con Salvini”, quella di Siffredi è più pacata e favorevole a lui e alla nuova leva politica. L’attore e regista di film per adulti non nasconde la sua simpatia per il Ministro, arrivando a confermarlo come il sex symbol dell’estate 2018, titolo con cui Salvini recentemente è stato definito da molte testate giornalistiche.

Cecchi Paone: “Salvini? Meglio Di Maio” | LEGGI

Le simpatie di Valeria Marini per Salvini e Di Maio | SCOPRI

 

Come Rocco dichiara a Rolling Stones, Matteo si merita tale titolo in virtù del suo carisma: è stato infatti seducente, convincendo un assai indeciso elettorato a votare per lui. Alla domanda circa cosa gli piaccia di Salvini, l’attore risponde:  “Brutto non è, la faccia da maschio ce l’ha, quindi credo che ci siamo. Ultimamente mi hanno chiesto di fare una votazione su alcuni personaggi e a Salvini non ho dato voti bassi. Sembra un uomo al quale piace la sessualità, non mi sembra asettico.”

Di Maio retwitta Jerry Calà | LEGGI

E cosa ne pensa  Rocco Siffredi dell’altro vicepremier, Luigi di Maio? Il Rocco nazionale dichiara che il giovane pentastellato non trasmette molta sicurezza e che la sua sessualità  traspare di meno: lo porterebbe con sé alla Siffredi Hard Academy per valutarne il livello. Al contrario, il collega della Lega sarebbe già spendibile, a suo dire, in qualche scena.

Salvini e Isoardi più innamorati che mai | SCOPRI

Quanto dichiarato dal Re del porno risulta coerente con una sua precedente intervista pubblicata lo scorso aprile sul Corriere della Sera, dove aveva descritto Luigi Di Maio come uno studente sì perfetto ma non rampante, mentre Matteo Salvini come un prorompente attore hard: “È molto performante ma dovrebbe imparare a controllarsi di più”.




Articoli simili in Interviste