Connect
To Top

Asia Argento: ‘Spero in un lieto fine, per Morgan’

Asia Argento parla di Morgan e delle decisioni in merito alla loro figlia Anna Lou.

Asia Argento parla per la prima volta dell’azione che ha avviato al Tribunale dei Minori di Roma contro Marco “Morgan” Castoldi, suo ex compagno, padre di Anna Lou, 9 anni il 20 giugno. A Vanity Fair, che le dedica la copertina di questa settimana, Asia spiega le ragioni della sua decisione.

Io non voglio togliere nulla a nessuno, tanto meno cancellare Marco dalla vita di Anna Lou – dichiara Asia. Qui stiamo parlando dell’aspetto legale della potestà genitoriale, quello morale è lui che ha deciso di non esercitarlo”.

Asia Argento ha avviato al Tribunale dei Minori di Roma un’azione contro Morgan, prima per revocare l’affidamento condiviso disposto tre anni fa e passare a quello esclusivo – revoca e passaggio concessi dal Tribunale lo scorso 1° marzo -, poi per chiedere addirittura la decadenza della potestà genitoriale: richiesta partita a inizio febbraio dopo le dichiarazioni di Morgan, nella controversa intervista a Max.

A Vanity Fair Asia spiega che determinante, nella sua “decisione difficilissima”, è stata la nascita del secondogenito Nicola, figlio del marito Michele Civetta: “Guardarlo fare il padre – crescere un bambino insieme, 24 ore su 24 – mi ha fatto capire che certe mancanze, certi segni di assenza, di disinteresse, di anaffettività, non erano normali”.

“Marco non ha praticamente mai provveduto al mantenimento di sua figlia. Ma, soprattutto, non c’era. L’affidamento condiviso in realtà non è mai esistito. Poteva vederla un weekend sì e uno no, e all’inizio io spingevo perché lo facesse. Compravo il biglietto, l’accompagnavo a Milano, la tornavo a prendere, ma era uno sforzo solo mio. Quante volte è venuto a trovarla, negli ultimi due anni, quando si trovava a Roma per lavoro o per altri motivi? Mai.

Vanity dice ad Asia: “Chi li ha visti insieme, per esempio i colleghi di X Factor, dicono però che Marco è affettuosissimo con lei”. E l’ex compagna di Morgan puntualizza: “Certo che lo è, e lei è felicissima di quei momenti insieme. Ma una bambina ha bisogno di affidabilità, di continuità e di prevedibilità. Le vacanze – l’estate, Natale – Anna Lou le passa con la nonna paterna, lui va e viene”.

Alla domanda “lei che cosa ha fatto per cambiare le cose?” l’Argento spiega: “All’inizio mi limitavo a chiedergli un contributo al mantenimento – la metà delle spese scolastiche e per lo sport e le attività – ma le mie richieste non ricevevano risposta. Finché, due anni fa,  mi sono rivolta all’avvocato. Che gli ha scritto, per cercare un accordo: ancora nessuna risposta. Il tribunale è stato una scelta obbligata: che senso aveva doverlo consultare su ogni aspetto della vita di nostra figlia, quando lui di questa vita si disinteressava completamente?”.

E il Tribunale ha deciso, il 1° marzo, per l’affidamento esclusivo. Ma, intanto, era uscita anche la famosa intervista a Max. “Come ha reagito, quando l’ha letta?” chiede l’intervistatore: “Gli ho subito telefonato, gli ho detto: Marco, io questa cosa la devo spiegare ad Anna Lou, se ne parla ovunque, non voglio che lo sappia da altri. Ma poi chiamala tu, rassicurala”.

Ancora l’attrice: “Gli ho ritelefonato il giorno dopo, doveva andare da Bruno Vespa, gli ho ripetuto: chiama tua figlia. Lo ha fatto quasi due mesi dopo, senza nemmeno un cenno alle parole che gli erano state attribuite. E guardi che per lei non era stata una cosa facile da affrontare”.

Ma nonostante questo Asia Argento sottolinea: “Ripeto: non ho mai pensato di cancellare Marco dalla vita di Anna Lou. Qualunque sia la decisione del giudice, sono la prima a volere che continuino a frequentarsi. Chiedo solo, questo sì, che se i problemi di Marco vengono confermati, e finché non li supera  gli incontri avvengano o qui da noi o da lui ma in presenza di mia madre o della tata. Se succedesse qualcosa, come vivrei il resto della mia vita?”.

E ancora: “Ma una volta che quei problemi li avrà superati, la decadenza della potestà genitoriale non avrà più ragione di esistere, e nessuno ne sarà più sollevato di me”.  “Lei ci spera ancora, in un lieto fine?” conclude il magazine:  “Magari. Magari Marco risolvesse i suoi problemi, magari dimostrasse che le mie preoccupazioni sono infondate, che lui sta bene, che è presente”.

“Sarei la prima a essere felice di vederlo passare più tempo con Anna Lou, di condividere, di essere genitori, di avere tra noi un rapporto civile. Come le normali coppie che si lasciano ma la vita va avanti, e magari si passa Natale tutti insieme. Io ci spero ancora, ma non dipende da me” conclude Asia…

FOTO: © Vanity Fair



Articoli simili in Gossip