Connect
To Top

Giulia Borio, una coniglietta che vuole fare la vampira

E’ stata playmate su Playboy e sogna di recitare in ‘Twilight’.

Pericolo scampato: non sarà lei la sua prossima preda. Pare gli abbiano vietato l’accesso alle tribune di qualunque concorso di bellezza, incluso Miss Padania. L’accusa è di approccio ‘intrepido’ verso le candidate. Il ‘Trota’, dunque, non potrà mettere gli occhi sulla splendida Giulia Borio, o perlomeno mentre sfila in passerella: “Se ho ricevuto un’avance da Renzo Bossi? No e mai ce l’avrò, non è che tutte le miss Padania sono state fidanzate con lui e a quanto ne so è impegnatissimo”.

Sì, con Elena Morali. La ‘coloradina’, però, non deve temere: anche Giulia è fidanzata, con Mauro, il suo manager, che la segue dappertutto, anche in una gelida mattina in Corso Como a Milano, dove Rumors attende la nuova Marylin per un’intervista a tutto campo. Ventitre anni di Biella, occhi verde smeraldo, biondissima, perfettissima, è stata playmate – come l’indimenticabile Monroe – su Playboy di ottobre. Studia all’Accademia delle Belle Arti di Brera, dove ha esposto un suo dipinto, e si definisce un’esteta. Nel mondo della moda ci è arrivata quasi per gioco, già che c’era ha deciso di partecipare a Miss Padania e a maggio si giocherà le semifinali. Senatùr Junior la voterà. Tenuto a distanza di sicurezza.

Domanda d’obbligo, sei leghista?

Sì, e penso che dentro ognuno di noi ci sia un pizzico di leghismo ci sia, ma sono anche ambientalista, animalista e vegetariana convinta.

Lasciamo la politica, parliamo della tua carriera. Nel giro di pochi mesi ti sei ritrovata prima sul sito di Maxim come Maxim Girl of the Week poi sulle pagine di Playboy come playmate. Ti senti già un sex symbol?

Sono una ragazza semplice, non me la tiro, non mi vanto mai, non riuscirei inizierei a ridere. So di essere carina e di avere una sensualità innata anche quando non poso. Dunque non mi sento un sex symbol, meglio che siano gli altri a pensarlo.

Kim Kardashian su Playboy è andata due volte. Tu sei pronta a fare il bis?

Certo che sì! Marylin è stata la prima playmate nel 1953, Pamela Anderson è stata 14 volte cover girl. Diventare ‘playmate’ è sempre stato uno dei miei sogni nel cassetto. Per me sono le donne più sexy del mondo, donne con le forme, ma che sanno catturare anche solo con uno sguardo.

Un’altra coniglietta, made in Italy come te, Sarah Nile, è traghettata per il Grande Fratello. Tu entreresti nella Casa? O comunque parteciperesti a un reality?

Non sono una fan dei reality, ma ogni tanto guardo qualche puntata, così per ridere. Sarah Nile l’ho vista di persona, è molto bella. Penso che il GF sia stato un ulteriore trampolino per la sua carriera. Per quanto si parli male di questi reality dal lato culturale e qualitativo, rappresenta comunque un ottimo modo per crescere in visibilità e io mi divertirei un sacco. Ma se dovessi scegliere tra tutti, mi piacerebbe l’Isola dei Famosi e magari portarci il mio compagno: sarebbe forse l’unico modo per farlo dimagrire e deviare il suo ‘amore’ per il cibo… 

 

Sei già caduta nell’occhio del gossip?

Quando è uscito Playboy mi sono ritrovata su molti siti di gossip, tg e quotidiani… 

Ma non ti sei ancora imbattuta in qualche paparazzo? Cosa faresti per allontanarlo?

Non saprei, penso che inizierei a ridere e me la darei a gambe di corsa… Sono atletica, vedete come lo semino!

Una modella alla quale t’ispiri?

Mi piace molto Gisele Bundchen, ma come stile adoro Kate Moss.

A proposito di cinema. Hai recitato in ‘Matrioska’. Da un cortometraggio noir al quarto sequel di ‘Twilight’ il passo sarà breve? C’è chi nelle tue peculiarità estetiche vede la futura protagonista della saga… 

(Ride) Magari, sarebbe un bel passo avanti! Per ora un fotografo ha visto in me la modella adatta a un servizio ispirato alla saga viste le mie caratteristiche fisiche e devo dire che in effetti mi calerei bene nel ruolo, ‘Twilight’ conquistato anche me! I libri li ho letti tutti, sono frivoli ma scorrevoli, fanno sognare e scrivono ciò che un’adolescente o una giovane donna vorrebbe leggere: il fascino per il bello e dannato, un amore proibito…

Insomma, il cinema è nelle tue vene. E il cinema è arte, invenzione scenica. Faresti la regista?

Mai dire mai, ho iniziato come fotomodella e ora mi sto buttando nella recitazione, mi piace, mi completa maggiormente, mi permette di vivere più vite in una e con pochi lavori puoi farlo. Non escludo che raggiunta una certa esperienza nel campo della recitazione nasca dentro di me la passione per la regia e il desiderio di realizzare qualcosa di mio. In fondo sono un’artista, una creativa, una fantasiosa, tutti i lavori in cui c’è da creare e interpretare mi affascinano e il cinema è una delle mie passioni più grandi, non vivrei senza film. Ma anche la vita è un film, no?

E il tuo concetto di bellezza?

Per me la bellezza è donna. Ho scritto una tesina sulla bellezza della donna, dunque sono informata sull’argomento, ho fatto delle ricerche per constatare i diversi modi di concepire la bellezza a seconda delle epoche storiche. La bellezza cambia a seconda della società, della moda del momento, del ceto sociale e del popolo di cui parliamo. Ma per me bellezza è un valore atemporale, significa guardare una foto di Marylin Monroe o di Audrey Hepburn e dire “che bella”, nonostante siano passato mezzo secolo e siano mutati i canoni estetici.

Secondo te, la donna del terzo millennio ha raggiunto la totale emancipazione?

Direi di no, considerando che in metà mondo le donne sono ancora vittime delle peggiori attrocità da parte dell’uomo. Per quanto riguarda i Paesi con la nostra cultura, penso che ci siamo vicine.

Guardi molta tv o sei più internettara?

Non guardo molta tv, però non mi perdo ‘Colorado’, ‘Chiambretti Night’, ‘Camera Cafè’, telefilm come ‘Skins’ e ‘Gossip Girl’ (la mia mania), ma stop. Internet, e quindi Facebook, lo uso quasi tutti i giorni come i ragazzi della mia generazione, fa parte della vita quotidiana.

Belen Rodriguez o Ilary Blasi?

Mi piacciono entrambe: simpaticissime, semplici, solari, sorridenti. Ma se devo proprio scegliere, Belen, perché ha pochi anni in più di me.

Di notte sei una ‘vampira’?

No, non sono una maniaca di locali e vita mondana, mi piace uscire e divertirmi, ma nella giusta misura. Se mi proponi cinema o discoteca, scelgo ovviamente il cinema: sono un’aspirante attrice mica tanto per, eh! Però devo ammettere che il mio fusorario è un po’ come quello del vampiro, nel senso che di mattina sono uno zombi ma da mezzogiorno alla sera viaggio in quarta.

E il tuo viaggio da sogno?

Un mese a Bora Bora per disintossicarmi dalla vita metropolitana e godermi una vacanza fatta di mare, animali e natura. 

Per te che di concorsi te ne intendi, l’importante è partecipare o vincere?

Be’, vincere piace a tutti, a chi non piace? Ma è bello vincere quando sai di aver dato il meglio, quando sai di essertelo meritato. Soprattutto nei concorsi di bellezza conta sì la bellezza, ma anche come ti poni, come parli, come sfili. Comunque non si può vincere in tutto ed è bello anche solo partecipare. Ogni esperienza ci fa crescere, anche le sconfitte ci invogliano a migliorarci.

Che vinca il più forte oppure chi vince è il più forte?

Dipende dalle circostanze e dalla sfida. A volte vince il più furbo, ma spesso, fortunatamente, il più meritevole.

Prossima tappa Salsomaggiore Terme?

Magari… Miss Italia è un concorso prestigioso. Non la vivrei con stress come fosse una competizione, ma come un’esperienza, un modo di conoscere ragazze simpatiche e mettermi in gioco. Da ogni esperienza c’è sempre da imparare.

E allora, a quando il tuo primo calendario?

Spero nel 2012, ma deve uscire super sexy! Nel frattempo spero arrivino molte altre offerte di lavoro.

In quale opera d’arte ti rivedi?

Nella Venere di Botticelli…

Joni Scarpolini

Foto: ©  Dario Altamura, Achille Jacchetti, Shaun Stubley, Walter Faustini, Hotdisplay Andrea Sichinolfi

 



Articoli simili in Interviste