Connect
To Top

Francesca Muggeri, non ditele che è uguale a Belen

La ballerina di ‘Kalispèra’ sembra gemella della Rodriguez. E vuole superarla.

Un fotografo le disse che era identica a una modella di nome Francesca. Sì, perché agli occhi di quel fotografo, Belen, prima di diventare Belen, era quella che assomigliava a Francesca: Francesca Muggeri. Strano raccontarlo oggi ma, fino a tre anni fa, l’allora ‘semplice’ fidanzata di Marco Borriello veniva accostata a questa bellissima 24enne di Varese che non ha nulla da invidiare alla showgirl del momento, nemmeno a livello di carriera tv: ha vinto un puntata di ‘Veline’ nel 2008, è stata nello staff di ‘Ciao Darwin’, ha posato per il calendario ‘Maxim 2011’ ed è stata una delle tre ballerine di ‘Kalispèra’.

Insomma, un curriculum di prima fascia, televisivo ma anche gossipparo, considerando alcune foto pubblicate sulle principali riviste pettegole che la pizzicano accanto a dei super vip. Dire dunque che è la sosia della Rodriguez è riduttivo. Primo perché gliel’hanno già detto in metà di mille, secondo perché ognuno di noi è uguale solo a se stesso, e terzo – lo ripetiamo – ad assomigliare a Francesca, almeno inizialmente, era Belen e non il contrario. Detto questo, ecco a voi Miss Muggeri. Che un giorno potrebbe fare la testimonial di una nota catena di elettrodomestici. Dove non ci sono paragoni. 

Ma quante volte te lo ripetono al giorno?

Che somiglio a Belen? Tante, troppe volte, ovunque e comunque. Io rispondo “lo so, lo so”, come dire: guarda che non sei il primo a dirmelo. E’ un complimento, certo, perché vengo accostata a una donna bellissima. Però ho anche la mia personalità, che voglio valorizzare.

Eppure fu Belen a essere accostata per prima a te.

Sì, fu quel fotografo di Milano, per il quale avevo posato prima di partecipare a ‘Veline’ nel 2008, a dirmi di aver scattato una ragazza terribilmente uguale a me e che stava con Borriello. Fu il primo ad accorgersi della mia somiglianza con Belen, che ai tempi non aveva fatto ancora nulla, non era ancora andata all’Isola dei Famosi.

E poi, finalmente, l’hai incontrata dal vivo a ‘Kalispèra’.

Tutto lo staff scherzava su questa cosa, lei è stata molto carina con me, si è presentata in modo molto simpatico facendomi subito sentire a mio agio. 

E’ la showgirl che vorresti emulare?

Diciamo che in poco tempo è riuscita a realizzare ciò che sogno da sempre, ha una carriera invidiabile, chi non vorrebbe ripercorrere la sua carriera? E’ arrivata fino a Sanremo, il top per una presentatrice. Ma io vorrei diventare famosa non come showgirl ma come attrice. La televisione mi piace, però raggiungerò l’apice solo quando farò cinema. Sto frequentando una scuola di recitazione con Michael Rogers, un regista inglese che ha vissuto in America e che mi sta insegnando i segreti dell’attività cinematografica.

Aspettando di debuttare sul grande schermo, hai già molta esperienza in televisione. Come ti sei trovata con Signorini?

Alfonso è una persona estremamente professionale, molto disponibile. Ci ha insegnato subito i balletti di musica classica facendoci ascoltare Mozart e spiegandoci tutta la storia di ciascun pezzo. E’ un uomo coltissimo e molto impegnato: ha un giornale da dirigere, fa l’opinionista, eppure trova sempre il momento per seguirti con attenzione. Mi piacerebbe molto lavorare ancora con lui.

Hai da svelarci qualche gossip sul re del gossip?

In sette settimane di ‘Kalispèra’ non sono riuscita a intuire niente del suo privato. Secondo me, stando sempre dietro la vita degli altri, ha imparato a nascondere benissimo la sua. E in questo è proprio il numero uno del pettegolezzo, perché per quanto riguarda se stesso è il massimo della riservatezza. 

Qual è l’ospite che ti ha colpito di più?

Gabriel Garko… fisicamente è ineccepibile. Ma soprattutto Alessia Marcuzzi, veramente gentile, simpatica, alla mano. Tanto di cappello a lei che è arrivata dov’è, riuscendo a stare con i piedi per terra. 

A proposito della Marcuzzi, andresti al GF o comunque parteciperesti a un reality?

Andrei all’Isola. Come esperienza di vita è una cosa che vorrei fare per capire i miei limiti anche caratteriali, sono molto lunatica e mi confronterei con altre persone sotto l’occhio della telecamere e in condizioni di sopravvivenza. Meglio all’aria aperta che reclusa entro quattro mura, non sto mai ferma, ho bisogno di spazio. Quando sono stata in Madagascar per scattare il calendario di ‘Maxim’, in un’intervista rilasciata a ‘Fashion TV’, ho detto che dopo un soggiorno del genere sarei stata pronta per l’Isola dei Famosi.

All’aria aperta sei stata paparazzata diverse volte. Ti sei abituata agli scatti a tradimento?

Nel momento in cui faccio questo lavoro e frequento un certo di tipo di persone più o meno famose, devo mettere in preventivo la presenza di qualche fotografo: se non ti vuoi far vedere te ne stai a casa. La cosa che non mi piace non è tanto essere definita la sosia di Belen, che anzi ha giovato quando non volevo che venisse citato il mio nome, quanto passare per la ‘fidanzata di’ e dover dare spiegazioni per cose inventate da altri. Io voglio che mi riconoscano per quello che sono, non perché esco con qualche personaggio famoso. Caratterialmente sono abbastanza egoista, prima vengo io e poi tutto il resto. Le attenzioni devono essere concentrate su di me. 

Quanta invidia c’è nel mondo della moda e della televisione?

Il mondo della moda mi appartiene poco, non ho mai potuto sfilare perché non ho l’altezza per farlo. In televisione c’è tanta competizione, le ragazze che vogliono sfondare sono sempre di più, la maggior parte sono straniere e arrivano in Italia senza nulla, cercano in tutti i modi di avere ciò a cui aspirano. Anch’io ho imparato a sgomitare, evitando quelle persone che ti danno i consigli sbagliati per farti deragliare. Io credo nel destino: se lo vorrà, arriverò dove merito. Ci vuole tanta determinazione.

Come se l’è cavata a Sanremo la Canalis?

Bene, ma perché ha avuto al suo fianco una professionista completa come Belen.

Luca e Paolo?

Ho avuto modo di conoscerli, sono comici anche nella vita quotidiana, piacevoli e simpatiche come a ‘Le Iene’. A Sanremo sono stati grandissimi.

Una cosa che ti ha lasciato ‘Veline’, una cosa che ti ha lasciato ‘Ciao Darwin’, una cosa che ti ha lasciato ‘Kalispera’.

‘Veline’ è stato il mio trampolino di lancio, tra l’altro un concorso che non volevo nemmeno fare. Mi ha fatto conoscere molte agenzie di moda e di spettacolo. ‘Ciao Darwin’ mi ha lasciato tantissimo, è stata anche un’esperienza di vita: vivere a Roma, lontana da casa, per me era una novità. ‘Kalispera’ mi ha dato visibilità e voglia di proseguire nella televisione, puntando ovviamente la cinema.

Tre aggettivi per descriverti.

Orgogliosa, possessiva, egoista. Ma solo per quanto riguarda il lavoro, con le persone a cui voglio bene sono estremamente aperta e generosa.

E con i tuoi spasimanti come ti comporti? Li sai tenere a bada?

Sono tanti, ma io sono molto selettiva. Ho il mio ideale di uomo, anzi, pensavo di averlo trovato, poi però non si è rivelato quello giusto. Quindi la ricerca continua.

Joni Scarpolini

Foto: © Igor Gentili, Carlo Battilocchi, Nicola Favaron/Maxim
 




Articoli simili in Interviste