Connect
To Top

George Clooney e Sandra Bullock, un feeling ‘sospetto’?

Tra Clooney e la Bullock grande feeling a Venezia, e qualcuno sussurra che ci sia qualcosa di più.

E’ il film dei super divi George Clooney e Sandra Bullock ad avere segnato in modo distintivo l’apertura della 70esima edizione del Festival di Venezia. Si tratta di “Gravity”, pellicola fantascientifica che vedremo nei cinema a partire dal 3 ottobre prossimo.

Diretta da Alfonso Cuarón, la pellicola racconta le peripezie della dottoressa Ryan Stone e dell’astronauta Matt Kowalsky coinvolti in un terribile incidente durante alcune attività di routine fuori da una nave spaziale. Con il loro Shuttle distrutto i due tentano in ogni modo di restare vicini, ma l’assenza di gravità rende per loro difficilissima la possibilità di sopravvivenza, ormai dispersi nel buio dell’universo.

►Venezia, applausi per Clooney e Bullock persi nello spazio

In conferenza stampa e durante il photocall a Venezia i due attori hanno mostrato un feeling davvero notevole, tanto che Clooney ha preso da vero galantuomo la mano della bella Sandra per aiutarla a scendere dall’imbarcazione. Gesti di gentilezza e e sguardi complici che tra i presenti hanno fatto subito pensare ad una ‘simpatia’ extraprofessionale, visto che i due divi sono attualmente single

Clooney ha poi spiegato che la loro amicizia dura da molti anni e per questo lavorare insieme in un film carico di emotività è stato più facile. La stessa Bullock ha poi testimoniato: “Chiunque di noi affronta avversità, per quanto mi riguarda ce ne sono state negli anni passati e sono convinta che dovrò affrontarne altre in futuro”.

►George Clooney torna single: è finita la storia con Stacy Keibler

L’attrice ha poi descritto il suo personaggio: “Una donna che sceglie di vivere e che non ha nulla da perdere” perché al di là della “location” spaziale il film racconta ed esplora la solitudine umana, in questo caso resa efficacemente in senso anche fisico dal vuoto dello spazio.

Foto: © Andrea Raffin – Kikapress.com

Cuarón ha confermato: “Gravity è in fin dei conti una metafora delle avversità, dell’arrendersi ma anche della rinascita e dell’accettazione della morte in una grande esperienza di crescita interiore per i personaggi”. Mentre Clooney ha spiegato che normalmente sono le sceneggiature e le storie che il film racconta a convincerlo ad accettare una parte ma in questo caso ha fatto tris con una grande sceneggiatura, un ottimo regista e il cast giusto.

Nelle pagine seguenti, George Clooney e Sandra Bullock a Venezia

Foto: © Tullio M. Puglia/Getty Images for Maserati

Foto: © Tullio M. Puglia/Getty Images for Maserati

Foto: © Tullio M. Puglia/Getty Images for Maserati

Foto: © Tullio M. Puglia/Getty Images for Maserati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+ 61 = 62

Articoli simili in Gossip