Connect
To Top

Bieber e la guardia del corpo denunciati per aggressione da un fotografo

Il bodyguard della pop star avrebbe picchiato un paparazzo.

Nuovi guai legali per Justin Bieber che giusto qualche giorno fa è stato condannato a sottoporsi ad un corso di 12 ore per il controllo della rabbia e a fare una donazione benefica di 50.000 dollari, dopo che era stato arrestato, lo scorso 23 gennaio, a Miami Beach mentre partecipava ad una corsa clandestina notturna su una strada pubblica a bordo di una Lamborghini.

Questa volta un fotografo ha citato in giudizio Bieber e una delle sue guardie del corpo con l’accusa di averlo picchiato e distrutto la sua macchina fotografica quando si trovava alle Hawaii. Il paparazzo chiede un risarcimento danni per l’aggressione e le percosse, e per avergli inflitto  intenzionalmente uno stress emotivo.

Nella denuncia non si dice però che Bieber lo abbia attaccato fisicamente, ma l’atto sarebbe stato compiuto dalla guardia del corpo. Il fatto risalirebbe a novembre del 2013, quando Bieber si trovava nella zona pubblica di Shipwreck Beach, sull’isola hawaiana di Kauai.

La denuncia del fotografo presentata in questi giorni a Los Angeles sostiene che Bieber abbia detto alla sua guardia del corpo: “Vai a prendere la sua scheda di memoria e fai tutto ciò che devi fare per ottenere quella scheda”. Il bodyguard avrebbe dunque afferrato il fotografo, lo avrebbe sollevato e sbattuto contro il cofano di un veicolo.

All’episodio avrebbe assistito anche Bieber e un altro fotografo avrebbe ripreso la scena con il suo cellulare. Nel maggio del 2014 la stessa guardia del corpo di Bieber è stata citato in giudizio per un caso simile a questo.



Articoli simili in Gossip