Connect
To Top

Miart 2016, ventunesima edizione con segno “più” e 45mila visite

Milano torna tra le capitali internazionali dell’arte moderna e contemporanea.

Bilancio molto positivo alla Fieramilanocity per Miart 2016, la ventunesima edizione della fiera d’arte moderna e contemporanea organizzata da Fiera Milano e diretta da Vincenzo de Bellis, con la vice direzione di Alessandro Rabottini.

Con un incremento del 10% degli ingressi e con un programma di eventi in città che ha registrato ovunque il tutto esaurito, Miart chiude con quasi 45.000 visitatori.

“Gli ottimi risultati di miart – afferma Corrado Peraboni, amministratore delegato di Fiera Milano – sono la conferma di una attenta selezione delle gallerie e di un affinamento del format della manifestazione. I galleristi ci hanno confermato la validità di questa scelta, sottolineando di aver aumentato le vendite e di aver incontrato collezionisti competenti e del giusto profilo. Tutto questo arricchito dalla folta presenza di un pubblico di appassionati d’arte”.

Un evento, questo, che riporta Milano tra le capitali internazionali dell’arte moderna e contemporanea. Nelle quattro giornate di apertura miart ha superato il tetto dei 45.000 visitatori, con un incremento del 10% di ingressi rispetto all’edizione 2015.

154 le gallerie internazionali provenienti da 16 paesi (Austria, Belgio, Corea, Danimarca, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, Irlanda, Italia, Norvegia, Repubblica Slovacca, Spagna, Stati Uniti, Svizzera, Uruguay)  che hanno partecipato a questa ventunesima edizione della fiera, rappresentando il meglio dell’arte moderna, contemporanea e del design a edizione limitata.

La miartweek 2016 è stata infatti una settimana ricchissima di appuntamenti, grazie alla stretta collaborazione avviata con Istituzioni pubbliche e private, musei, gallerie e tutte le realtà che operano nella promozione e nella conoscenza dell’arte.


Articoli simili in Lifestyle