Connect
To Top

X Factor, Manuel Agnelli è il giudice rivelazione: “Voglio un vincitore che vada oltre le mode”



Dopo la prima puntata delle audizioni è già emerso un nome che fa la differenza, quello del leader degli Afterhours.

Manuel Agnelli si è fatto vedere eccome nella prima puntata delle audizioni di X Factor. E che lui, con il suo approccio, la sua maturità e con il suo modo di porsi potesse fare la differenza ci è stato chiaro fin da subito.

Parlando con Agnelli poche ore prima della messa in onda della prima puntata della Audizioni di X Factor gli abbiamo chiesto che se avrebbe dato un’iniezione di rigore alla giuria, lui con un po’ di modestia ha sottolineato che Arisa, Fedez e Alvaro Soler (GUARDA LE LORO INTERVISTE) non ne hanno bisogno, ma ha anche spiegato: “Hanno una visione molto diversa dalla mia, ci piacciono generi diversi e probabilmente siamo all’interno del panorama musicale per motivi diversi”.

Manuel cerca la qualità e non fa mistero che l’asticella della professionalità e delle doti artistiche dei concorrenti si è alzata ancora rispetto alle edizioni precedenti: “Quello che abbiamo sentito fino ad ora in alcuni casi è molto buono, addirittura buonissimo. E’ troppo presto per dire ciò che diventeranno questi musicisti, ma la potenzialità c’è davvero in alcuni di loro”.

E ammette di amare i tanti generi presenti ad X Factor: “Quando il talent ha una formula elastica ed è in grado di rappresentare tutti i generi della musica e riesce a dare una visione eterogenea del ‘perché fare musica’, allora svolge una funzione, non è più il ‘talent demonio’ ma è una piattaforma”.

Agnelli conclude con un auspicio: “Il vincitore di quest’anno lo vorrei unico, in grado di emergere al di là delle mode e del genere musicale stesso. Che abbia la volontà e il gusto di essere diverso. Che non faccia parte di uno di quei piccoli club in cui si mettono tutti la stessa divisa!”

Filippo Piervittori


Articoli simili in Interviste