Connect
To Top

Alex Schwazer a Verissimo: “Io innocente, 8 anni sono lunghi per tornare alle gare”

Alex Schwazer dichiara: “Non penso ci siano speranze che io torni a gareggiare tra otto anni”.

A Verissimo, in esclusiva questo sabato su Canale 5, il marciatore Alex Schwazer parla per la prima volta dopo la squalifica dalle Olimpiadi di Rio per doping e, soprattutto, dopo che la Procura di Bolzano, qualche giorno fa, ha fatto sequestrare (in virtù di una rogatoria internazionale) il campione di urine incriminato per sottoporlo all’esame del DNA.

Silvia Toffanin gli chiede: “Hai mentito o sei stato incastrato?”. Schwazer: “Sono stato sicuramente incastrato e quello che adesso resta da capire è come e da chi. Questa cosa del DNA è buona per noi perché riusciremo a capire altre cose. Penso che, se si trovasse una qualsiasi cosa che non appartiene al mio fisico in queste urine, sarà la prova che c’è stato un complotto contro di me”.

E spiega ancora la sua ipotesi: “Tutti gli atleti che hanno parlato a queste Olimpiadi non ci sono andati. Non solo io, penso alla mezzofondista russa che ha parlato contro il loro sistema (ed ora è in pericolo di vita). Lei non è stata accettata perché eticamente non corretta per il fatto che in passato si è dopata. Il messaggio quindi è molto chiaro: se uno che ha fatto uso di doping è stato scoperto e non parla allora chi dovrebbe parlare? La conclusione è meglio non parlare, così resta tutto com’è”.

Alex Schwazer proclama, dunque, a gran voce la sua innocenza: “Sono innocente perché negli ultimi tre anni e mezzo ho pagato come nessun altro a causa del doping. Non solo a livello atletico, ma anche a livello personale e di immagine. Pochi atleti, se non nessuno, sono stati usati così come esempio negativo per il doping come me, dimenticandosi che io avevo già vinto prima senza doping. Sono innocente perché poi, quando ho ripreso, ho fatto tutto quello che adesso un atleta può fare per dimostrare la sua pulizia”.

Ora ha 31 anni ed è stato squalificato per otto anni. Quindi, se fosse confermata la squalifica, tornerebbe a gareggiare a 40. Schwazer è sincero: “Madre Natura mi ha aiutato, ma questo non vuol dire che tra otto anni ritornerò, perché già questi tre anni e mezzo senza gareggiare sono stati molto lunghi”.

Silvia Toffanin fa l’affondo: “Perché in passato ti sei dopato se Madre Natura era stata generosa con te, per debolezza?”. Lui dichiara:  “Sì non lo dovevo fare. Penso che ho rovinato tanto. Purtroppo a volte si sbaglia e non si può tornare indietro. Io cambierei tante cose e non le posso cambiare. Ho cercato di cambiarle in questo anno ma è andata così come è andata. Comunque, tra otto anni non ci sarò perché otto anni senza gare sono impossibili e io voglio anche voltare pagina. Fortunatamente a livello privato sto bene, ma a livello sportivo questa è una mazzata molto più grande di quella di quattro anni fa. Quattro anni fa ero colpevole, adesso non lo sono e mi hanno tolto tanto, per cui per forza devo staccare”. In tutta questa vicenda molto triste c’è una nota positiva… Schwazer dichiara: “Sì, diventerò papà ma non so ancora se sarà maschio o femmina”.



Articoli simili in Televisione