Connect
To Top

The Young Pope arriva la prima puntata. Sorrentino: “Ecco il mio Papa fondamentalista”

In prima tv dal 21 ottobre, il venerdì alle 21.15 su Sky Atlantic HD e Sky Cinema 1 HD.

Dieci episodi della prima stagione di “The young Pope” per raccontare la storia di Lenny Belardo, alias Pio XIII, il primo Papa americano della storia. La serie TV firmata dal Premio Oscar Paolo Sorrentino, una produzione originale Sky, HBO e Canal+ sarà trasmessa in Italia in prima tv dal 21 ottobre, il venerdì alle 21.15 su Sky Atlantic HD e Sky Cinema 1 HD, disponibile anche su Sky Go, Sky On Demand e in streaming su NOW TV, la internet tv di Sky.

La serie, prima ancora del debutto, è stata venduta da FremantleMedia International in oltre 80 Paesi che sommati ai territori già coperti dai broadcaster co-produttori (Sky, HBO, CANAL+, MediaPro) fa arrivare a 110 il numero record dei Paesi in cui la serie – ad oggi – sarà in onda, dal Madagascar agli Stati Uniti.

Il cast, oltre al protagonista Jude Law, include il Premio Oscar come migliore attrice Diane Keaton, Silvio Orlando, Scott Shepherd, Cécile de France, Javier Cámara, Ludivine Sagnier, Toni Bertorelli e James Cromwell.

La serie – presentata come evento speciale Fuori Concorso alla 73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia– è stata accolta con entusiasmo dalla stampa internazionale.

Spiega Paolo Sorrentino: “E’ un Papa che fin dal nome che sceglie per il Pontificato – Pio XIII – si richiama ai suoi predecessori più reazionari. Un uomo che assurge a un ruolo di sconvolgente responsabilità approcciandolo con apparente mancanza di buon senso e spiccato infantilismo. Un uomo che si richiama al passato e nega il futuro”.

Un’antitesi, dunque, rispetto a Papa Francesco: “Lenny è una possibilità aperta davanti al cattolicesimo: un improvviso bisogno di durezza che pensa ‘davvero’ di rispondere così alle sfide della modernità e alla mancata comprensione di un mondo diventato tutto a un tratto troppo largo e troppo difficile da codificare. Lenny è la premessa, il germe di un fondamentalismo cattolico che noi escludiamo a priori, proprio come 50 anni fa avremmo escluso il fondamentalismo islamico”.

Giovane e affascinante, l’elezione di Pio XIII sembrerebbe il risultato di una strategia mediatica semplice ed efficace del collegio cardinalizio. Ma, com’è noto, le apparenze ingannano. Soprattutto nel luogo e tra le persone che hanno scelto il grande mistero di Dio come bussola della loro esistenza.

Quel luogo è il Vaticano, quelle persone sono i vertici della Chiesa. E il più misterioso e contraddittorio di tutti si rivela Pio XIII. Scaltro e ingenuo, ironico e pedante, antico e modernissimo, dubbioso e risoluto, addolorato e spietato, Pio XIII prova ad attraversare il lunghissimo fiume della solitudine dell’uomo per trovare un Dio da regalare agli uomini. E a se stesso.


Articoli simili in Televisione