Connect
To Top

Raz Degan: “Ho viaggiato in cento paesi ora sfido l’Isola dei Famosi”

Dopo una vita super avventurosa ora per Raz Degan c’è l’Isola dei Famosi… quasi una passeggiata.

Raz Degan, ospite in esclusiva a Verissimo, parla della sua prossima partenza come naufrago a “L’isola dei Famosi”, al via il 30 gennaio su Canale 5. “Ho viaggiato in più di cento paesi, mi mancava sul passaporto un timbro dell’Honduras”.

Ai microfoni di Verissimo svela: “Di natura sono un po’ timido. Vado sull’isola per fare un’esperienza di vita e sfidare me stesso, con una cosa che non ho mai fatto. Non è un mio obiettivo vincere”.

Da qualche anno l’attore e regista israeliano soffre di un grave problema alla schiena. A tal proposito dichiara: “Spero che non sia un handicap, giorno per giorno farò quello che potrò”. Proprio per alleviare i suoi dolori, i tre oggetti che porterà sull’isola avranno a che fare con la sua schiena: “Per proteggermi dall’umidità mi porterò un materassino e dell’alpaca che mi tenga caldo e poi una fit ball per fare degli esercizi per mantenermi dritto. Inoltre, c’è il mare e il nuoto per il mio problema è un grande aiuto”.

E prosegue “Ho vissuto gli ultimi tre anni in Amazzonia, per un documentario che ho girato e che sta per uscire in America; là era bello tosto, molto scomodo. Un’esperienza che mi ha arricchito molto. E poi ho vissuto in paesi del Terzo mondo, dove la gente non ha veramente niente da mangiare. La convivenza con gli altri naufraghi che non conosco sarà l’ostacolo più difficile da superare, per il resto non ho problemi”.

Infine, sul fronte vita privata, Raz confessa: “Dopo quattordici anni meravigliosi con Paola (Barale ndr) ora sono single. E’ difficile stare con me perché sono sempre via”. E a Silvia Toffanin che chiede se non gli manchi un figlio, Raz Degan risponde: “Quando sarò pronto magari abbraccerò questa esperienza, per ora no”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+ 54 = 60

Articoli simili in Televisione