Connect
To Top

“E poi c’è Cattelan”, nuova sfida: un late show quotidiano

Alessandro Cattelan: “Io a Sanremo? Tecnicamente sarei pronto, ma…”

Alessandro Cattelan ci prova. E’ chiaro che la sua idea è quella di far attecchire in Italia un genere che negli Stati Uniti da anni è un must, ma che ancora nel nostro Paese non ha trovato un suo spazio: il talk show sullo stile di “The Late Show” di David Letterman e “The Tonight Show” di Jimmy Fallon: conduttore e ospite che affrontano temi più o meno personali in modo molto informale in uno spazio quotidiano in seconda serata.

La nuova versione di “E poi c’è Cattelan”, giunto alla quarta edizione, parte con questa ambizione dal 16 febbraio, e andrà in onda dal lunedì al venerdì in seconda serata su Sky Uno HD. L’intento è quello di proporre mezz’ora di puro divertimento e leggerezza, tra interviste, canzoni, rubriche, gag, giochi in studio e rivisitazioni musicali.

Come nei veri “late show” non può mancare la musica dal vivo. Nello studio 2 di Sky a Milano Rogoredo a dare ritmo al programma di Cattelan ci sono gli Street Clerks, che tornano ad essere la spalla perfetta del conduttore e che permetteranno anche agli ospiti musicali di esibirsi in qualche momento musicale.

Come sarà, pare inaspettatamente (visto che non avrebbe dovuto cantare) per la puntata del debutto di giovedì 16 febbraio, che vede come ospite la pop star britannica Robbie Williams, una partenza con il botto per lo show di Cattelan. Perché, chiaramente, gli ospiti restano l’elemento centrale anche nella versione quotidiana dello show.

Tra i protagonisti di questa edizione ci saranno: Paola Cortellesi, Bebe Vio, Alessandro Gassmann, Marco Giallini, Cesare Cremonini, Manuel Agnelli, Benji e Fede, Jasmine Trinca, Fabio Rovazzi, Rossella Fiamingo, Tommaso Paradiso, Anna Tatangelo, Jack Savoretti, Papu Gomez, Elio Germano, Fabio De Luigi, Chiara Galiazzo e Brunori Sas.

“Avremo un monologo iniziale dedicato all’attualità – ci spiega Alessandro Cattelan – e poi avremo, oltre all’ospite, una serie di piccole rubriche che potranno evolversi e cambiare nel corso della stagione. Ad esempio abbiamo visto che non c’è tv che non abbia un programma dove si canti in macchina, noi abbiamo pensato bene di alzare l’asticella della difficoltà. Nella nostra si canterà parcheggiando: il parking karaoke. Ma torneranno sotto forma di rubrica anche Speedy Got Talent il talent dove si fanno le cose con estrema velocità e Pezzi di Nerd, il nostro quiz condotto dal nostro capo autore hipster Marco Villa”.

Al conduttore che è anche il timoniere di X Factor non si può non chiedere se sarebbe pronto per condurre il Festival di Sanremo: “Tecnicamente lo sono, perché Sanremo è un programma televisivo non più complicato di X Factor. Poi però ha tutta una serie di altre sfumature e di fardelli pesanti da portarsi dietro e sotto questi aspetti non credo che sia il mio momento” ci spiega Cattelan… il resto lo trovate nella nostra video intervista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

35 + = 42

Articoli simili in Interviste