Connect
To Top

Al Bano: “A Sanremo sono stato vittima di un’ingiustizia”

Il cantante pugliese si sfoga dopo la “bocciatura” al Festival

A 73 anni Al Bano sembra essere ancora estremamente competitivo. Il cantante di Cellino San Marco non ha preso affatto bene l’eliminazione prima della finalissima a Sanremo. La sua pronta risposta era stata: “Ho già il pezzo pronto per l’anno prossimo, se mi vorranno”.

Ma, a sangue freddo, sulle pagine di Oggi, fa una riflessione su quanto accaduto sul palco del Teatro Ariston: “Sono stato vittima di un’ingiustizia. Tutta colpa dell’invidia”. Così Al Bano si sfoga con il settimanale.

Continua il cantante: “Bisogna essere sordi per non capire la grandezza della canzone che ho presentato, Di rose e di spin. Hanno mandato via quattro grandi nomi della musica italiana, come me, Gigi D’Alessio, Ron e Giusy Ferreri. La verità è che questa eliminazione serviva a fare notizia in un festival dove non succedeva nulla”.

Al Bano qualche giorno prima dell’inizio della kermesse aveva pronosticato, intervistato da Radio Rai ad “Un giorno da pecora”, che Fiorella Mannoia avrebbe potuto vincere o arrivare sul podio. E così è stato. Quello che non avrebbe mai pensato è di non arrivare nemmeno tra i primi 16 con il suo brano.

Ma Al Bano è un guerriero e non si abbatte, anzi, affila le lame per il 2018 99e senza giri di parole spiega: “Al Festival tornerei anche l’anno prossimo, anzi mi propongo io. Ho un solo tallone d’Achille nella vita: soffro di sanremite acuta”.


Articoli simili in Musica