Connect
To Top

Emma Watson: hackerate le sue foto fatte in camerino

Rubate foto personali tra cui le prove di alcuni bikini

Hacker ancora all’opera. Questa volta ad essere vittima dei pirati informatici pronti ad impossessarsi di foto e video privati conservati su smartphone e cloud dei divi sono state le attrici Emma Watson, Amanda Seyfried e Jillian Murray.

In particolare Emma Watson avrebbe già fatto partire una denuncia contro ignoti per il furto di immagini private che sarebbero state scattate 2 anni fa. Non ci sarebbero foto piccanti di Emma, ma tra gli altri, scatti che si riferiscono alla prova di abiti e costumi nel backstage di un servizio fotografico.

Emma Watson fa una cosa inaspettata ad una giornalista | GUARDA

La violazione della sua privacy con la pubblicazione delle stesse su alcuni siti di hacker ha mandato su tutte le furie l’attrice. La Watson si è poi arrabbiata anche per i commenti sarcastici sul web per questa vicenda, dopo che lei era stata già al centro di una bufera mediatica per il servizio pubblicato nei giorni scorsi da Vanity Fair in cui posava quasi in topless mentre parlava nell’intervista di diritti delle donne, di lavoro e altri temi sociali importanti.

Emma Watson, il seno e il femminismo | LEGGI

Qualche tempo fa in tema di social e privacy Emma twittava: “Ancora peggio che vedere la privacy delle donne violata è il fatto di leggere sui social media i commenti delle persone che mostrano una tale mancanza di empatia”.

Foto: PrPhotos

L’hacheraggio ha avuto dinamiche simili a quelle che coinvolse varie attrici americane un paio d’anni fa tra cui la giovane Jennifer Lawrence a cui vennero rubate foto in cui si mostrava senza molti veli. Per questo episodio l’hacker è stato condannato da un tribunale della Pennsylvania a un anno e mezzo di prigione.



Articoli simili in Gossip