Connect
To Top

Eurovision Song Contest: esclusa la cantante russa Yulia Samoilova

Ucraina e Russia: lite per la sua esclusione dall’Eurovision


La cantante disabile Yulia Samoilova è stata bandita dall’Ucraina per tre anni e non potrà esibirsi all’Eurovision Song Contest di Maggio 2017 come rappresentante della Russia. L’accusa che pende sulla testa di Samoilova risale a due anni fa, quando la cantante si era esibita in Crimea senza aver richiesto l’autorizzazione alle autorità ucraine. Non aver rispettato questa legge le è costato l’esclusione dal concorso musicale, ma la decisione di Kiev, che ha interdetto la ragazza dal Paese per tre anni, ha suscitato polemiche aspre.

Elodie: cambia tutto (manager in primis). Ecco perché | LEGGI

Secondo il vice ministro degli esteri russo Grigory Karasin questa sentenza “È l’ennesimo atto scandaloso, cinico e disumano da parte delle autorità ucraine”. Quando la Russia ha candidato la Samoilova all’Eurovision 2017 il ministro degli Esteri ucraino, Pavel Klimkin, aveva già commentato come “provocatoria” la scelta di candidare lei come rappresentante della Russia.

Foto: Da Youtube

Poi sono partiti i controlli sulla cantante che, nel 2015 aveva cantato in Crimea senza richiedere le necessarie autorizzazioni emesse dalle autorità ucraine per entrare nella penisola. Klimkin ha concluso: “Ritengo che la legge debba essere uguale per tutti”.

Paola Turci posa senza veli e festeggia la femminilità | GUARDA

E in effetti, già lo scorso anno e per lo stesso motivo era stato vietato l’ingresso a Kiev a 140 artisti russi. La risposta del Cremlino, tramite il suo portavoce Dmitri Peskov, chiudeva le polemiche così: “È la scelta di un canale televisivo, non vedo alcuna provocazione”. Ora, però, arriva la risposta negativa sulla candidatura della Samoilova.

Roberta Mazzacane


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

+ 56 = 65

Articoli simili in Musica