Connect
To Top

Romina Carrisi Power: “Stanza” mostra fotografica tra ritratto e poesia

Romina Carrisi Power dopo il teatro indaga l’arte fotografica

Si intitola “Stanza” la mostra di Romina Carrisi Power a cura di Silvia Agliotti e con la collaborazione di Anna Dusi che si terrà dal 4 al 24 Maggio 2017 nella galleria d’arte contemporanea milanese “Gli eroici furori”. Romina parte col progetto espositivo di ritratti fotografici che indaga il sottile rapporto tra la fotografia e la poesia, vissute con molta intensità dalla protagonista perché spesso risultato di un racconto introspettivo e autobiografico.

Spiegano i curatori della mostra: una stanza è espressione di sé e “una stanza tutta per sé” rimanda alla letteratura e alla poesia e qui si parla di poesia fotografica, di ricerca del proprio spazio e vissuto interiore che si trasmette anche allo spazio e al vissuto circostante.

Le fotografie di Stanza sono un viaggio che ci mostra la continuità di pensiero e sentimento, di dentro e di fuori, per la memoria e con la memoria. La mostra di Romina Carrisi Power a Gli eroici furori presenta una installazione site specific che accompagna le immagini fotografiche e le poesie. Stanze della memoria e Stanze di futuri possibili, di identità in divenire che le poesie raccontano e cui le poesie rimandano.

Una foto della mostra “Stanze”

Intimi segni lasciati dall’artista sulla carta fotografica dialogano con i segni poetici lasciati sulla carta, in empatica coesione con l’installazione presente in galleria, che accoglie ed accompagna questo inedito percorso tra fotografia e poesia.

Figlia d’arte, di una coppia non comune che ha fatto la storia della musica italiana, Al Bano e Romina, Romina Carrisi Power nasce a Cellino San Marco, in Puglia. Viaggia molto fin da piccola seguendo i suoi genitori artisti, così girando il mondo impara a conoscere culture e usi differenti che la stimoleranno sempre anche nel suo lavoro a cercare nuovi orizzonti, diventando man mano un artista poliedrica ed eclettica.

Studia recitazione, scatta le prime fotografie e le manda a vari concorsi. Scrive poesie. Inizia ad esporre i primi particolari ritratti di esseri umani, catturati attraverso la lente poetica del quotidiano, in tutte le sue forme. Tra le mostre fotografiche ricordiamo quella a Los Angeles nel 2014, a Locarno nel 2012, a Bari nel 2011. Pubblica il suo primo libro di poesie “Se Solo Fossimo Altrove” nel 2015 e subito dopo dirige il suo primo cortometraggio “The Last Chapter”. E’ reduce dalla tournée teatrale con la pièce Goldoniana “Le Smanie per la Villeggiatura”.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 + 3 =

Articoli simili in Senza categoria