Connect
To Top

Striscia: tapiro al Sentore Razzi per la “missione” in Corea del Nord

Tapiro più che meritato per Razzi di ritorno da Pyongyang

Striscia la notizia questo Tapiro d’Oro non poteva non assegnarlo. Valerio Staffelli è stato infatti “spedito” a consegnare un Tapiro al senatore Antonio Razzi di ritorno dalla “missione” in Corea del Nord, dove si era recato in questi giorni, nonostante le tensioni internazionali scatenate proprio dalle prese di posizioni sugli armamenti nucleari da parte del regime coreano del nord.

Razzi è rimasto più tempo del previsto perché il suo volo è stato improvvisamente posticipato. Al tapiroforo, che lo ha intercettato a Roma, Razzi ha detto: “Al mattino, prima di partire per l’Italia, ci hanno comunicato che c’era un temporale a Pechino e non si poteva decollare. Poi doveva arrivare un volo interno che non è arrivato. Alle cinque e mezza ci hanno dato finalmente l’ok”.

Razzi ha parlato poi della sua “amicizia” con Kim Jong-un, il dittatore nordcoreano, con una presa di posizione in vero stile “Razzi”: “Sono uno dei pochi che ha parlato con lui in persona. È un bravo ragazzo, ma ogni tanto deve far scoppiare qualche bombicina”.

Quanto alla sua proposta di porsi come tramite tra Trump e Kim Jong-un per evitare guerre future, l’attapirato senatore ha detto: “Il 2 febbraio ho mandato una lettera al nostro ambasciatore a Washington, da far recapitare a Trump, perché volevo parlare con lui, visto che nella campagna elettorale aveva detto di voler riallacciare il discorso con la Corea del Nord, senza bombe. Non mi hanno ancora fatto sapere nulla, ma io aspetto”.



Articoli simili in Televisione