Connect
To Top

Madonna contro il film che vorrebbe raccontare la sua vita

La pop star attacca: “E’ l’opera di una ciarlatana”

Madonna non ci sta. La regina del pop si è scagliata contro un film che vorrebbe raccontare la sua vita, definendolo “l’opera di una ciarlatana”. E dire che il materiale non manca per un’esistenza vissuta tra scandali, successi mondiali e mille amori.

Ma secondo la signora Ciccone solo lei potrebbe raccontarla e da Instagram urla: “Nessuno sa cosa ho fatto e cosa ho visto. Solo io posso raccontare la mia storia. Chiunque altro provi a farlo è un ciarlatano e un pazzo che cerca una gratificazione immediata senza sobbarcarsi il lavoro necessario: questo è il vero male della nostra società”. 

Madonna e il mistero della foto di Paola Barale |LEGGI

“Blonde Ambition” (questo il titolo del film che rieccheggia il nome del tour della cantante del 1990), scritto da Elyse Hollander, che ha già realizzato tre cortometraggi ed è stata assistente del regista Alejandro González Inárritu per il film ‘Birdman’, nasce tra le polemiche, che poi non è proprio una cattiva stella quando si parla di prodotti artistici, anzi potrebbero avere un’eco mondiale accompagnando l’uscita del film, la cui sceneggiatura era già finita nella “black list”, ossia l’elenco delle sceneggiature che sono piaciute ai produttori senza ricevere però un finanziamento.

 

Blue is the Warmest Color! 💙💙💙💙 The Look Of Love @mdnaskin

Un post condiviso da Madonna (@madonna) in data:

Poi, però, la Universal Pictures si è fatta avanti per acquistare lo script, ma ora vedremo come reagiranno quelli del colosso cinematografico americano alle critiche della diretta interessata. Lasceranno perdere, e affideranno comunque il film alla regista Elyse Hollander che lo ha ideato?

Il figlio di Madonna contro la madre |LEGGI

Un’alternativa potrebbe essere quella di coinvolgere alla direzione del film l’insoddisfatta Madonna, che già in un recente passato aveva curato sceneggiatura e regia di due pellicole: ‘Sacro e profano’ (2008) e ‘W.E. – Edward e Wallis’ (2011). Entrambi però snobbati dal pubblico e stroncati dalla critica.

Ruggero Biamonti



Articoli simili in Cinema