Connect
To Top

Massimo Giletti, dopo la cancellazione dell’Arena potrebbe lasciare la Rai

Il presentatore verso un’altra emittente

Non bastano le dodici puntate che la Rai gli ha offerto, Massimo Giletti non riesce a mandare giù la cancellazione dai palinsesti della sua Arena. Una creatura che lui stesso ha fatto nascere e crescere nel tempo diventando un programma con ascolti record, con una media del 20% di share.

Anche la politica è scesa in campo per difendere il presentatore, per Gasparri è “informazione scomoda”, per Salvini uno “scandaloso bavaglio”, per La Russa una “vergognosa epurazione”. Mentre il diretto interessato non ha ancora rilasciato dichiarazioni ufficiali.

Massimo Giletti a Domenica Live con Barbara D’Urso? |LEGGI

 

 

La tentazione di lasciare tutto però parrebbe forte, anche dopo quasi trent’anni di fedeltà all’azienda e difficilmente gli potrebbero fare cambiare idea alcune prime serate garantite da Viale Mazzini, ma a tema musicale, ben lontano dagli argomenti di cui si discute solitamente all’ Arena.

A non capire questa scelta è il consigliere Giancarlo Mazzucca: “Anche alla luce del rinnovo di Fazio, la chiusura dell’Arena è un’assurdità. Abbiamo fatto la battaglia per superare il tetto agli stipendi che, se introdotto, avrebbe portato a un depauperamento dell’offerta Rai, e ora costringiamo un professionista come Giletti che conduce una trasmissione di successo, per ascolti e introiti pubblicitari, a lasciare la Rai: è un controsenso”.

 

Anche oggi all’#Arena #Giletti per parlare della #Sicilia

Un post condiviso da Rosario Crocetta (@rosariocrocetta) in data:

Massimo Giletti fa marcia indietro. Niente Mediaset, resta in Rai |LEGGI

Ma i vertici Rai sono convinti a far tornare Domenica In a quel grande contenitore di intrattenimento puro che in fin dei conti è sempre stato, mentre a Giletti è stata offerta la conduzione di programmi  musicali sull’onda del grande successo che hanno avuto Zucchero-Partigiano Reggiano o Viva Mogol.

Novità potrebbero arrivare dalla Commissione di Vigilanza che si riunisce domani, ma se non ci sarà un dietrofront dell’azienda Massimo Giletti (il cui contratto scade a fine mese), per la prima volta dopo tanti anni potrebbe passare in un’altra emittente.

Ruggero Biamonti


Articoli simili in Televisione