Connect
To Top

Paolo Limiti, addio al paroliere di Mina

Il conduttore è mancato a Milano

Era una vera e propria enciclopedia vivente del mondo dello spettacolo e della canzone, Paolo Limiti è mancato nella sua Milano a 77 anni, a darne il triste annuncio la sua amica storica Mara Venier, che per l’occasione lo ha ricordato postando su Instagram una foto che la ritrae insieme a lui.

I più lo conoscono per i programmi televisivi del suo ultimo periodo, in particolare Ci vediamo in TV. La trasmissione cambierà vari nomi, ma non cambierà il risultato: un’intelligente rievocazione del passato televisivo e musicale italiano, con uno spazio dedicato ai due grandi amori di Paolo Limiti: Hollywood e gli animali.

 

Ciao Paolo ….quanto bene ci siamo voluti …quanto mi mancherai 🌹🙏🏻🙏🏻🙏🏻RIP#paololimiti

Un post condiviso da Mara Venier (@mara_venier) in data:

La morte di Gianni Boncompagni. Ambra Angiolini: “Sei ovunque” |LEGGI

Ma la sua carriera ha radici ben più antiche. Iniziò come paroliere di Jula de Palma, cantante in auge tra gli anni ’50 e ’60 per poi debuttare in Rai nel 1968 grazie a Luciano Rispoli. Di particolare importanza la sua collaborazione con Mina che ha regalato successi come Bugiardo e Incosciente e La voce del silenzio.

Chris Cornell, morte con mistero per il cantante dei Soundgarden |LEGGI

Spesso il suo lavoro è stato accostato, a volte anche ironicamente, ad una sorta di malinconica nostalgia, (ricordiamo tra le imitazioni più brillanti quella di Claudio Bisio), ma era un piacere ascoltarlo mentre si concentrava su di un cantante in uno dei suoi tanti programmi monografici o mentre rievocava un particolare contesto storico dal quale era nata una canzone.

Ruggero Biamonti



Articoli simili in Personaggi