Connect
To Top

Massimo Giletti da Urbano Cairo: su La7 riavremo “L’Arena”

Il conduttore dopo anni lascia la Rai

Ospite, ad aprile, di “Un Giorno da Pecora” su Rai Radio1, il conduttore de “l’Arena” ha lasciato intendere che ci poteva essere la possibilità di “revocare” il tetto dei 240mila euro per gli artisti: “Le regole si rispettano, poi se uno vuole fare un altro percorso, perché non gli sta più bene di star dentro ai 240mila, farà la sua scelta. E’ una fesseria totale pensare di pagare 240mila euro una figura come un dg, ad esempio, che manda avanti aziende con un fatturato di 2 miliardi e più come la Rai. I grandi nomi che mandano avanti le aziende importanti, non verranno mai a quelle cifre”. Segue il suo commento riguardante i rischi. “Si rischia di pagare uno poco, e poi magari ti fa un buco di milioni di euro. La battaglia sulla trasparenza si fa coi conti sui singoli programmi, secondo me, vedendo quanto rendono, e anche andando a vedere i pozzi neri della famosa improduttività”, ha concluso Giletti lasciando presagire con qualche mese di anticipo i malumori tra lui e mamma rai.

Foto: Ufficio Stampa

Massimo Giletti in arrivo una candidatura politica? |LEGGI

Il conduttore ufficializza ora il suo passaggio alla rete di Urbano Cairo, portandosi appresso la sua creatura televisiva così “scomoda” per la Rai: “Rifarò L’Arena. La mia Arena… Qualcuno sperava che non andasse più in onda perché, dicono, dava molto fastidio. Ma L’Arena è la mia creatura professionale, l’ho fatta nascere, l’ho modellata. Ho scelto La7 perché ho capito che era lì la strada per dare continuità a questa esperienza.”

Foto: Ufficio Stampa

La 7: Cairo stupisce con Corrado Guzzanti, ma non rinuncia a Gruber e Mentana|LEGGI

Nonostante non ci sia ancora una data precisa, una cosa è certa, Giletti non vuole rinunciare al suo amato programma: “Per me chiudere L’Arena sarebbe stato abdicare alla dignità. Fare altri programmi voleva dire comprare il mio silenzio. Con grande dolore, non ho potuto accettarlo.” Gli era stato infatti proposto da Mario Orfeo dodici prime serate il sabato sera e reportage dai fronti dove sono impegnati i contingenti italiani. Una proposta cui Giletti non ha mai risposto: “Dodici eventi serali di intrattenimento, privi della mia anima giornalistica… io sono giornalista dal 1994!”.

Massimo Giletti vicino a Mediaset? |SCOPRI

Il conduttore spiega anche di come ha appreso della chiusura del suo talk show: “Io avevo un accordo con l’ex direttore generale Antonio Campo Dall’Orto e col direttore di RaiUno Andrea Fabiano di continuare L’Arena più alcune prime serate importanti del sabato su RaiUno dove in passato abbiamo realizzato grandi successi. Sto parlando di maggio. Siamo arrivati alla vigilia della presentazione dei palinsesti e il nuovo direttore generale Mario Orfeo mi ha convocato in fretta e furia al settimo piano. Mi trovavo con mia madre che non stava bene, non ero a Roma. Ho detto: guarda, non posso venire. Ma dentro di me ero sereno. Chi può pensare si possa chiudere un programma di tale successo? Dopodiché ho letto su Tv blog della cancellazione dal palinsesto. Era un venerdì. Ho pensato a una fake news. Ma il silenzio è stato eloquentissimo. Non addosso colpe a Mario Orfeo: pensavo fosse un amico ma evidentemente ci sono ruoli e situazioni che cambiano gli uomini, li inaridiscono. L’ho visto il lunedì successivo e mi ha detto: chiudo L’Arena, e basta, così ho deciso. Adducendo una scusa che mi fa sorridere: cioè che la gente, la domenica pomeriggio, deve rimanere tranquilla.”

Anna Laganà


Articoli simili in Personaggi