Connect
To Top

Vittorio Sgarbi contro il Comune di Trieste

Su Facebook il videomessaggio del critico

Vittorio Sgarbi si scaglia contro il Comune di Trieste, colpevole a suo dire di aver trasformato il suo evento in un flop. “Mi pento di aver portato la mostra a Trieste”, dice lo storico dell’arte in un videomessaggio su Facebook, “Non farò mai più nulla per Trieste. Sono costretto a fare pubblicità io, ma era compito dell’amministrazione della città: non dovevo fidarmi”. A ieri i biglietti staccati erano 9182 in tre mesi e mezzo. L’inaugurazione risale al 27 aprile, quando Sgarbi rilasciò un’intervista senza risparmiare punzecchiature sulla gestione dei musei triestini e sulla bocciatura della sua idea di lasciare le opere in Porto vecchio perché l’esposizione diventasse permanente. I visitatori possono vedere i cartoni preparatori degli affreschi realizzati da Carlo Sbisà, i dipinti di Oscar Hermann-Lamp, il ritratto di Leonor Fini a un principe arabo, la Cleopatra di Artemisia Gentileschi, l’Allegoria del tempo di Guido Cagnacci.

Aldo Grasso: “La De Filippi è sempre uguale, che morbosità” |LEGGI

Oltre duecento pezzi, dal Quattrocento al secolo scorso, tutti provenienti dalla collezione Sgarbi-Cavallini. Rispetto alle precedenti esposizioni della collezione tenutesi a Osimo e Cortina d’Ampezzo, per l’occasione sono stati valorizzati i maestri triestini come Giuseppe Bernardino Bison, Giuseppe Tominz, Umberto Veruda, Arturo Nathan ed Edgardo Sambo. Il Comune ha speso 165mila euro, in parte coperti da un finanziamento della CRTrieste.

 

Studiate, bestie.

Un post condiviso da Vittorio Sgarbi (@vittoriosgarbi) in data:


Flavio Briatore in compagnia di una donna “misteriosa” |LEGGI

“Palazzo Cheba” non vedrà però tornare un centesimo, perché gli incassi derivanti dai primi 22mila biglietti sono destinati per contratto all’associazione ViviPavia, responsabile dell’allestimento e a sua volta impegnata per 135mila euro. Per Sgarbi è tutta colpa del Comune, che porta in città capolavori e non lo comunica a nessuno: “Possibile che Trieste sia un luogo così disperato in cui le cose di buon senso non si fanno? Ho fatto un gesto di considerazione per una città bellissima e struggente, ma oggi gli uomini che la governano non hanno capacità, sentimento, passione. Mi vergogno e mi pento di aver mandato a Trieste le opere che ho tanto amato, raccolte con mia madre: una prova d’amore forse sbagliata”.

 

Un post condiviso da Vittorio Sgarbi (@vittoriosgarbi) in data:


Nina Moric, un sindaco modella per Torre del Greco? |LEGGI

A rispondere è l’assessore alla Cultura Giorgio Rossi, che attribuisce le responsabilità a Sgarbi stesso: “quando Sgarbi propone una mostra, chi più di Sgarbi si può autopubblicizzare? Se i risultati sono stati scarsi, il primo a doversi interrogare è l’amico Vittorio. Speravamo molto in lui. Tutte le mostre organizzate nell’ultimo anno a Trieste non hanno avuto i risultati sperati.Questa è la prima organizzata dalla nostra amministrazione e ha avuto comunque una media di oltre duemila visitatori al mese: più di quelle precedenti e spendendo molto meno, anche se il risultato non è stato certo faraonico. La pubblicità non si inventa, ma si costruisce nel tempo e quando siamo arrivati abbiamo trovato una comunicazione culturale e turistica pari a zero. Ora abbiamo cominciato a investirci”.

Anna Laganà



Articoli simili in Personaggi