Connect
To Top

Libri da leggere quest’estate, 10 titoli da non perdere

Indietro1 of 11

Piccole perle letterarie da gustare sotto l’ombrellone

Importantissimo quando si fa la valigia per andare in vacanza è la scelta del libro giusto, per accompagnarci nei momenti di relax sotto l’ombrellone in riva al mare o sdraiati sull’erba della cima di una montagna. Per questo vi segnaliamo 10 libri che forse potrebbero diventare i vostri migliori amici di questa estate 2017… e non solo.

Milk and honey di Rupi Kaur: per chi vuole rilassarsi al sole con i versi più sensuali dell’anno, ecco la raccolta di testi di amore, perdita, trauma, violenza, guarigione e femminilità firmata dall’affascinante Rupi Kaur. Caso editoriale straordinario negli USA, pubblicato in tutto il mondo.

I film da vedere questa estate | LEGGI

La strega di Camilla Lackberg: il nuovo caso da risolvere per Erica Falck e Patrik Hedström, ambientato come sempre a Fjällbacka. La scomparsa di una bambina da una casa di campagna nei dintorni di Fjällbacka riporta a galla drammatici ricordi legati a un tragico episodio di cronaca risalente a trent’anni prima. Allora, un’altra bambina di soli quattro anni era misteriosamente scomparsa nello stesso punto, per essere ritrovata solo qualche giorno dopo, uccisa. Dell’omicidio era stata accusata Marie Wall, che ora è una diva di Hollywood, ed è tornata a Fjällbacka per le riprese di un film su Ingrid Bergman di cui è la protagonista, e in paese non si parla d’altro. Può davvero esistere una relazione tra i due casi? C’entra forse la maledizione pronunciata da una donna accusata di stregoneria che, quattro secoli prima, proprio in quel luogo, finì sul rogo?

Paper princess di Erin Watt: chi ama i romanzi rosa non può sfuggire al fascino di questa serie fresca e divertente, bestseller numero uno del New York Times! A diciassette anni, Ella Harper ha già imparato a sbrigarsela da sola. Sempre in fuga, dalle difficoltà economiche e dagli uomini sbagliati di sua madre, si è districata tra mille lavori per riuscire a far quadrare i conti, studiare e costruirsi un futuro migliore. Finché, un giorno, nella sua vita compare un certo Callum Royal. Distinto ma deciso, nel suo costoso abito di sartoria, dice di essere il migliore amico del padre, che lei non ha mai conosciuto, nonché il suo tutore legale.

Ansia e stress da vacanza, come farsela passare | LEGGI

Il caso Malaussène di Daniel Pennac: gli appassionati non potranno che gioire per la sua ultima fatica. In questo romanzo ritroviamo tutti i personaggi tanto amati della tribù Malaussène, un tempo bambini ora cresciuti: scopriamo come sono andate le loro vite e le intricate situazioni che si trovano ad affrontare.

Dannate ragazze di Robin Wassermanl: il caso letterario che ha scioccato gli USA. Siamo nel 1991, in una tranquilla cittadina della Pennsylvania, dove si consuma una sconvolgente storia d’amore e di violenza, che è anche un ritratto di un’amicizia totalizzante e malata tra giovani adolescenti. Uno psico-thriller che vi terrà incollati alle pagine.

Le mamme ribelli non hanno paura di Giada Sundas: l’antimanuale per mamme che è già un bestseller! Quando ha scoperto di essere incinta, Giada Sundas ha letto di tutto, ma alla fine ha scoperto che non esiste una guida per fare la mamma. Vale solo l’istinto. “Solo non seguendo le regole si trova il coraggio di essere madri a proprio modo”.

Gli anni della leggerezza di Elizabeth Jane Howard: il primo dei quattro volumi che raccontano la saga dei Cazalet. Definita un mix tra Orgoglio e Pregiudizio e Downton Abbey, è la storia di una famiglia, composta da più generazioni, a cavallo della Seconda Guerra Mondiale, con tutte le ripercussioni sociali ed economiche del periodo.

Antonella Mosetti: curve al top sotto il sole | GUARDA

Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone: se almeno in vacanza vuoi leggere qualcosa di leggero, ma non così banale, questo è il libro giusto. Leo, il protagonista, si è sposato con Marta, poi ha conosciuto Annalisa e per lei ha mandato all’aria il suo matrimonio. Impegnarsi a lungo, però, non è il suo forte e per questo si è fatto l’amante: Marta, la sua ex moglie. Un triangolo imprevedibile ma comune a molti, con tutta una serie di personaggi collaterali che lo rendono un libro da leggere sotto l’ombrellone.

Il giovane Holden di Salinger: sono passati cinquant’anni da quando è stato scritto, ma continuiamo a vederlo, Holden Caufield, con quell’aria scocciata, insofferente alle ipocrisie e al conformismo, lui e la sua “infanzia schifa” e le “cose da matti che gli sono capitate sotto Natale”, dal giorno in cui lasciò l’Istituto Pencey con una bocciatura in tasca e nessuna voglia di farlo sapere ai suoi. La trama è tutta qui, narrata da quella voce spiccia e senza fronzoli, ma sono i suoi pensieri, il suo umore rabbioso, ad andare in scena. È fuor di dubbio, infatti, che Salinger abbia sconvolto il corso della letteratura contemporanea influenzando l’immaginario collettivo e stilistico del Novecento, diventando un autore imprescindibile per la comprensione del nostro tempo. Holden come lo conosciamo noi non potrebbe scrollarsi di dosso i suoi “e tutto quanto”, “e compagnia bella”, “e quel che segue” per tradurre sempre e soltanto l’espressione “and all”. Né chi lo ha letto potrebbe pensarlo denudato del suo slang fatto di “una cosa da lasciarti secco” o “la vecchia Phoebe”.

Le otto montagne di Paolo Cognetti: vincitore del Premio Strega 2017, il romanzo si è aggiudicato anche il Premio Strega Giovani 2017 e la prima edizione del premio Strega Off. Pietro è un ragazzino di città, la madre lavora in un consultorio di periferia, il padre è un chimico, un solitario, e torna a casa ogni sera carico di rabbia. Ma sono uniti da una passione comune: in montagna si sono conosciuti, innamorati, si sono addirittura sposati ai piedi delle Tre Cime di Lavaredo. La montagna li ha uniti da sempre, anche nella tragedia, e l’orizzonte lineare di Milano li riempie ora di rimpianto e nostalgia. Quando scoprono il paesino di Graines sentono di aver trovato il posto giusto, sono gli anni in cui Pietro inizia a camminare con suo padre, “la cosa più simile a un’educazione che io abbia ricevuto da lui”.

Anna Laganà

Indietro1 of 11



Articoli simili in Lifestyle