Connect
To Top

Kevin Spacey tra l’amore per il teatro e le polemiche con Hollywood

Il Frank Underwood di House of Cards parla anche del suo nuovo film

Kevin Spacey è in Italia per girare il film di Ridley Scott “All the money in the world” nel quale interpreterà Jean Paul Getty. Ha quindi colto l’occasione per presentare a Roma “Baby Driver”, film in uscita nelle sale italiane il 7 settembre, nel quale interpreta la parte di Doc. La regia è affidata ad Edgar Wrigtht e nel cast compaiono anche Jami Foxx, Jon Hamm, Lily James, Jon Bernthal ed il protagonista Ansel Engort.

Nel corso della conferenza stampa Spacey ha parlato della sua nuova vita lontano da Hollywood: ” Quando mi sono trasferito a Londra per dirigere un teatro sono ‘uscito dalla vista’ delle persone: purtroppo, a Hollywood, se sei fuori dalla vista delle persone sei anche fuori dalla loro mente. Comunque, in questo momento della mia carriera mi interessa moltissimo partecipare alla creazione di storie”.

Jessica Alba: che caduta di stile | LEGGI

L’attore ha poi parlato della sua principale fonte di ispirazione: “Per me è stato Jack Lemmon. Sono stato enormemente fortunato, perché l’ho conosciuto quand’ero molto giovane e ho avuto l’onore di lavorare con lui ben quattro volte”. Spacey aveva, infatti, un rapporto speciale con l’attore morto nel 2001. Era stato proprio Lemmon a convincere, in un seminario, l’allora tredicenne Spacey ad intraprendendere la carriera cinematografica.

Ecco il nuovo spin-off di Star Wars | LEGGI

Infine su “Baby Driver” ha confessato: “La musica era già parte integrante della sceneggiatura. Infatti, quando abbiamo letto la sceneggiatura per la prima volta abbiamo sentito direttamente tutte le canzoni della colonna sonora. Inoltre vi erano delle scene in cui Edgar voleva che seguissimo fisicamente il ritmo della canzone: avevamo delle cuffiette e seguivamo il tempo nella scena grazie a qualcuno che teneva il ritmo dicendo ‘Uno, due, tre’. A volte era una quasi una specie di danza”. Il film è un musical d’azione e racconta di un ragazzo fortissimo al volante ma che per guidare ha bisogno della musica del suo i-Pod.

Mattia Landoni



Articoli simili in Cinema