fbpx
Connect
To Top

Cynthia Nixon, Miranda in Sex and the city, perde le primarie di NY

L’attrice è stata battuta da Cuomo nelle primarie democratiche 

Cynthia Nixon, ai più nota come la Miranda Hobbes della serie tv Sex and the City, dovrà rinunciare alla sua ambizione politica. L’attrice si era candidata per diventare governatrice dello Stato di New York, ma il suo rivale Andrew Cuomo l’ha sconfitta nelle primarie democratiche con il 66%, contro il 34% ottenuto da Cynthia.

Cuomo ricopre l’incarico già dal 2011 e per lui questo sarebbe il terzo mandato consecutivo in caso di vittoria. Non era difficile prevedere il successo di Cuomo alle primarie, vista l’esperienza pregressa alla guida del quarto stato americano più popoloso, spiccatamente incline al governo democratico.

Cynthia Nixon, da Sex and the City a governatrice di New York |LEGGI

La Nixon ha puntato tutto sulla novità e sul cambiamento della città nella sua campagna elettorale. Attrice omosessuale di 52 anni, ha deciso di partecipare alla corsa elettorale a marzo, sperando di diventare la prima donna e contemporaneamente la prima omosessuale a governare lo Stato. Nei suoi comizi si è soffermata soprattutto sul diritto universale alla salute, sul controllo degli affitti e la necessità di migliorare la metropolitana. Già da tempo aveva reso noto di essere una fan della scuola pubblica e un’attivista convinta per i diritti delle persone Lgbt.

 

Foto: PrPhotos

Cynthia Nixon: “Orgogliosa di mio figlio Seph”. Coming out pubblico |LEGGI

Non sono mancati momenti di tensione durante la campagna elettorale: Cynthia Nixon ha denunciato una pubblicità postale infangante nei suoi confronti, dove veniva descritta come antisemita, ma Cuomo ha dichiarato di non esserne conoscenza. Poi c’è stato chi si è appigliato alle abitudini alimentari della donna. Quando la Nixon ha ordinato in un negozio di Manhattan il bagel “sbagliato”, mescolando dolce e salato, commenti acidi si sono sprecati su un panino che una vera newyorkese non avrebbe mai potuto scegliere. La replica della Nixon: “Sono sbalordita. Lo scelgo da decenni, non è mai stato di dominio pubblico e sono davvero affascinata da come le persone si sentano coinvolte”.

Martina Panagia si svela a Rumors: “Non amo i diktat, sono un’anti diva” |LEGGI

Cynthia, comunque, era sostenuta solo dall’ala liberal del partito democratico, quindi ormai può considerarsi sconfitta. Sicuramente non mollerà le sue battaglie civili e politiche e tornerà a combattere in prima linea per i diritti degli omosessuali.

Roberta Mazzacane



Articoli simili in Gossip