Foto: IPA

La coppia potrebbe essere scelta per condurre il nuovo festival

Dopo il live sold out al Nelson Mandela Forum di Firenze, il primo di oltre quaranta date del Tour Al Centro nei principali palazzetti d’Italia, Claudio Baglioni ha dichiarato ad alcuni giornalisti in conferenza stampa la possibilità che Pippo Baudo e Fabio Rovazzi siano scelti come presentatori di Sanremo Giovani, un mini-festival che si svolgerà dal 17 al 21 dicembre. 

Il Festival di Sanremo, che verrà invece trasmesso il prossimo febbraio, vede per la seconda volta come direttore artistico il cantautore romano, grazie allo strepitoso successo ottenuto nel 2018. Non sarà, invece, conduttore di Sanremo Giovani ed è per questo che in questi giorni si sta decidendo a chi passerà lo scettro. Pippo Baudo è sicuramente una garanzia, mentre Fabio Rovazzi ha dimostrato negli ultimi tempi di sapere avvicinare al pubblico più giovane istituzioni della Tv. L’accoppiata potrebbe quindi essere molto convincente oltre che interessante e lo stesso Baglioni confessa: “Li abbiamo incontrati, ma abbiamo visto anche altri candidati. A me piacerebbe, è un’accoppiata interessante.”

Claudio Baglioni, sold out a Firenze per la prima tappa di Al Centro | LEGGI

Loading...
Foto: Medisaet
 

Al Bano: “A Sanremo non vado, è studiato a tavolino” e sulla Lecciso dice… | SCOPRI

Il nuovo Sanremo Giovani, spiega Baglioni, servirà a valorizzare dei talenti, ma in modo diverso rispetto ai talent che sono un prodotto televisivo: “La mia ambizione è infatti quella di dare a questo evento un’attenzione separata e unica, non più confinata come quando si sovrapponeva alla gara dei big.”

Riccardo Scamarcio su Valeria Golino: “Non sono ancora guarito” | LEGGI

La novità di quest’anno vedrà, dunque, 24 giovani artisti in gara, quattro serate preparatorie di preserali su Rai1 e due prime serate conclusive dalle quali usciranno due vincitori che poi parteciperanno direttamente alla gara dei big. Infine, conclude entusiasta l’artista: “Grande partecipazione, quest’anno le proposte sono aumentate in maniera esponenziale, il che ci fa tremare i polsi perché significa che dovremo ascoltare un sacco di canzoni in più”.

Loading...