Foto: Ufficio Stampa

I due artisti collaborano per la prima volta

Venerdì 26 Ottobre sarà disponibile “Anema e Core”, un’opera che unisce due grandi personaggi dell’arte e della cultura italiana, Mimmo Palladino e Francesco De Gregori che hanno deciso per la prima volta di lavorare insieme. Anema e Core è l’incontro fra due artisti curiosi e disposti alla sperimentazione, al gioco e alla sfida, dove le immagini di Paladino (in copertina l’enigma di due volti affiancati, a comunicare il mistero e la meraviglia di un’unione) si incontrano con le voci di Chicca e Francesco che giocano per la prima volta con la musicalità della lingua napoletana e raccontano in una canzone senza tempo il respiro e la passione dell’amore.

Il risultato è una xilografia originale di Mimmo Paladino unita ad un vinile 10” con due versioni (acustica ed orchestrale) di una delle più belle canzoni napoletane di tutti i tempi, “Anema e core”, reinterpretata per l’occasione da Francesco De Gregori e da sua moglie Chicca e registrata a Bath nei Real World Studios di Peter Gabriel. La xilografia, presentata in una teca di plexiglas, è stata realizzata nella storica stamperia dei Fratelli Bulla a Roma in una tiratura di soli 99 esemplari numerati e firmati da Mimmo Paladino e da Francesco e Chicca De Gregori.

This is Maneskin: disponibile in un’unica data il film sulla band|LEGGI

Loading...
 
Foto: Ufficio Stampa

Andrea Bocelli: cantando sui pattini tra i Beatles e Gigi D’Agostino|SCOPRI

“Ci piace definire questa opera una ‘edizione d’arte’ perché la parola ‘arte’ in qualche modo riguarda tutti e due – afferma Francesco De Gregori – Mi raccontava una volta Mimmo di quando in tempi ormai abbastanza lontani dipingeva ascoltando alla radio la musica dei cantautori e li considerava dei compagni di viaggio. Forse nasce anche da questo la motivazione o meglio la necessità di questo incontro dove si mescolano vernice, musica e parole”.

Fedez e Chiara Ferragni: compleanno a sorpresa al supermercato|LEGGI

“La musica per un pittore ha la forma dell’acqua – sottolinea Mimmo Paladino – fluida e mutevole, eterea e geometrica. Con Francesco abbiamo giocato all’antico e molto serio gioco dell’arte: pagine variopinte, colle e torchi, alchimie di appunti poetici e voci cantanti forse di una notte a Capri”

Foto: Ufficio Stampa

 

Loading...