“Un concept album musicale che ha come tematiche il viaggio e l’acqua”

Marco Di Noia e Stefano Cucchi sono due personaggi eclettici e interessanti. Il primo è un musicista ma anche un giornalista e un social media manager, l’altro un musicista e tecnico del suono. Insieme, hanno ideato e creato Elettro Acqua 3D, il primo app album italiano. Ne hanno parlato con noi di Rumors.it. 

“E’ un un concept album musicale che ha come tematiche il viaggio e l’acqua.” – ci spiega Marco – “L’applicazione musicale è un supporto ottimo per la nostra musica perché consente di fornire agli utenti anche contenuti extra, approfondimenti, i testi dei brani, aggiunte artistiche di Cristian Musella. È un album che si presta bene all’ascolto in situazioni di quiete e soprattutto di viaggio, motivo per cui lo abbiamo definito un album di viaggio. È scaricabile sugli store per telefonini gratuitamente” e Stefano ci tiene ad aggiungere che l’app nonostante tutto è molto leggera: “Abbiamo inserito molta musica in uno spazio ristretto e una volta scaricato l’album è fruibilie anche offline e in background.”

Marco Mengoni invade l’Europa con l’Atlantico Tour |LEGGI

Foto: Francesca Pietropolli

Un album ideale da ascoltare in viaggio che a sua volta parla di un viaggio: “Passa per vari territori in cui poi si svolgono le vicende, le storie, si muovono i personaggi di cui parlano i testi. Si parte da Milano, si arriva alle spiagge del Kenya, nella Savana, poi si torna a Roma, si va in Bosnia. Si va anche in India e nella terra di mezzo Tolkeniana. Si va verso nord nel brano ‘Perfetta imperfezione’ ambientato nel mare artico per poi tornare a Milano con un brano finale che si chiama Sirene ambientato nel mare melodico.” E dei luoghi delle canzoni questo app album conserva anche i suoni: “Dentro ci sono i suoni di Milano, li abbiamo registrati, quelli che ci sembravano più caratteristici, quelli della Milano che si muove, quindi lo sfrenio dei treni, dei tram, le macchine che passano, le sirene.” racconta Stefano.

Andrea Bocelli: il 2019 parte con un Disco d’oro |SCOPRI

“E’ un viaggio sonoro che accompagna i racconti e le parole di Marco, ho preso dei suoni che Marco ha registrato nei suoi viaggi e li ho uniti a suoni costruiti da me, a rumori musicali per portare l’ascoltatore emotivamente in un altro luogo. Quando si ascolta la musica con le cuffie in solitario spesso si tende a estraniarsi dal mondo reale, uno è completamente immerso in questa musica allora abbiamo detto portiamolo in un altro luogo, facciamo sentire suoni, rumori, costruendo artificialmente un’atmosfera sonora.” ha concluso poi Cucchi.

J-Ax ‘rischia’ un’altra volta |LEGGI

Come l’acqua si lega a tutto questo? La risposta è molto interessante: “Tutto nasce da un brano, il primo che abbiamo composto inseme ‘Il mare per chi non ce l’ha’ che nasce dalla riflessione sul fatto che i brani più belli sul mare sono stati scritti da artisti che non erano andati al mare e lo abbiamo associato ad altri brani sempre legati all’acqua e poi abbiamo deciso di fare altri concept su questo. C’è anche un’altra analogia con l’acqua, il nostro è un album che può essere solcato in superficie come una nave che solca il mare, oppure immergendosi si scopre una dimensione diversa che è quella sottomarina, fatta di coralli, pesci e particolarità da scoprire.” 

E loro, che sul viaggio hanno basato quest’opera musicale per intero, che viaggiatori sono? Marco Di Noia dice: “Io viaggio tanto per lavoro, ma amo viaggiare anche per piacere.” e nell’album sono contenuti entrambi i tipi di viaggio. Marco si definisce un amante dei viaggi avventurosi, Stefano di quelli sonori: “Mi piace sperimentare il suono in tutte le sue forme perché ho studiato pianoforte, ho studiato musica elettronica e mi piace la suggestione del suono e rumore che diventa suono. Il rumore è sempre stato visto come una cosa che disturba mentre sarebbe bello anche descrivere il mondo coi rumori che ci sono attorno perché ogni luogo ha le persone che lo frequentano, i suoi colori, i suoi sapori ma anche i suoi suoni.”

Foto: Cristian Musella