Foto: Ufficio Stampa

Paola Massari ribatte a Pio e Amedeo: “La pancera può attendere”

Durante la seconda serata della 69esima edizione del Festival di Sanremo, sono saliti sul palco gli attesissimi ospiti Pio e Amedeo. Oltre ad aver fatto registrare un picco di ascolti corrispondente all’orario in cui sono entrati in scena, non hanno mancato di strapparci ben più di una risata. ‘Vittima’ delle loro battute il direttore artistico Claudio Baglioni, con tutte le polemiche che quest’anno il Festival si è portato dietro. 

Uno degli sfottò con cui hanno aperto il loro siparietto si riferiva proprio ad una delle canzoni d’amore che ha segnato la storia, “Questo piccolo grande amore”. Baglioni la scrisse ben 47 anni fa, “Sai qual è il problema? Che adesso la ragazza con la maglietta fina ha la pancera”, ironizzano Pio e Amedeo.

Festival di Sanremo 2019: è Ornella Vanoni mania, ma il dubbio resta | SCOPRI 

Foto: Ufficio Stampa

Festival di Sanremo 2019: cosa lega il Volo e Francesco Renga? | LEGGI 

Ma le ex moglie del direttore artistico (63 anni), a cui ovviamente era dedicata la canzone, non ci sta. Risponde ai due comici in una maniera del tutto inaspettata Paola Massari: pubblica su Instagram uno scatto molto provocante che lascia ben poco spazio all’immaginazione. Mostra la sua notevole silhouette, una vita strettissima e un addome che ha ben poco bisogno di pancere! I capelli biondi sciolti che le coprono (o quasi) il seno, la fanno sembrare una dea greca risorta dalle acque.

Paolo Cevoli: “Le storie della Bibbia parlano di me”, arriv a Sanremo | ESPLORA 

Nella caption della foto pubblicata su Instagram, Paola scrive “La pancera può attendere”, taggando il profilo ufficiale di Pio e Amedeo. In molti si sono sprecati in complimenti per un fisico curatissimo e da fare invidia anche alle 20enni. Non ci resta che attendere la risposta dei comici. 

 

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

#lapancerapuòattendere 😁😉😊#sanremo2019 @pioeamedeo83 #questopiccolograndeamore

Un post condiviso da paola massari (@paolamassari) in data: