Foto: David Gabber / PRPhotos.com

La cantante si dichiara addolorata per quanto accaduto

Occhi, naso e labbra sulle scarpe firmate dalla cantante avrebbero dovuto ricordare il surrealismo di Salvador Dalì o i volti squadrati delle Demoiselle D’avignon di Picasso. Katy Perry invece è stata addirittura accusata di razzismo per la sua linea di scarpe. A quanto affermano i detrattori, nel modello di colore nero si vedrebbe una somiglianza alla “Black Face”.

Lo stile di makeup teatrale denominato appunto “Black Face” consisteva in un trucco deliberatamente non realistico che faceva assumere le sembianze stilizzate di una persona di pelle nera. La pratica nasceva dagli spiccati preconcetti razzisti e serviva per denigrare il personaggio in questione e deridere gli afroamericani, accentuandone le loro caratteristiche facciali.

Loading...

Miley Cyrus sul red carpet in sostegno del marito Liam Hemsworth | SCOPRI

Foto: Instagram

Raffaella Carrà: torno in tv ma non canto né ballo | ESPLORA

Katy Perry ha dichiarato che la linea di calzature – dal nome “Rue Face Slip On Loafers” il sandalo e “Ora Face Block Heel Sandal” il suo omologo con il tacco alto – facevano parte di una collezione distribuita la scorsa estate in nove diverse colorazioni (nero, blu, oro, grafite, piombo, beige, rosa, rosso, argento). La collezione era stata immaginata come un omaggio all’arte e al surrealismo. Dopo le accuse, i modelli sono stati ritirati dal mercato.

George Clooney interviene in difesa di Meghan Markle | LEGGI

Non è la prima volta che alla cantante vengono rivolte critiche per le sue scelte di stile. Nel 2013 Katy Perry fu criticata per essersi presentata a una cerimonia di premiazione vestita da Geisha. D’altra parte, l’accusa di razzismo non è nuova nel mondo della moda. Gucci fece rimuovere dalla sua collezione un maglione a collo nero, con labbra rosse disegnate e Prada rimosse una serie di accessori che ricordavano delle scimmie nere, sempre con le labbra rosse.

Loading...