Foto: Ufficio stampa

Il cantante torna a colpire il festival 


Quando si parla di Sanremo non si può non parlare di Al Bano Carrisi, che di festival ne ha fatti moltissimi, da solo e in compagnia della sua Romina. Pochi giorni fa il cantante di Cellino San Marco aveva espresso in radio la volontà di condurre il festival, ora che le possibilità di una terza kermesse musicale condotta e diretta artisticamente da Claudio Baglioni è sempre più lontana. 
 
Adesso, di nuovo interrogato da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro, Al Bano esprime la sua opinione sulla polemica che ha colpito il festival, quella inerente alle modalità di votazione del vincitore. Una parte sempre più importante di telespettatori vorrebbe decidere totalmente la classifica, senza interferenze da parte della Sala Stampa e della Giuria d’Onore. E Al Bano che ne pensa?
 
Antonella Clerici: venerdì sera “Dentro o fuori” con John Travolta|LEGGI

Foto: Ufficio Stampa

Chi è Mahmood, il cantante di origini egiziane che ha stregato Sanremo|SCOPRI
 
“A me la Giuria d’Onore una volta mi ha fatto perdere un primo posto e un’altra volta mi ha escluso da Sanremo. Il televoto? Il Festival appartiene agli italiani ed è giusto che siano loro a votare…” ha detto, per poi precisare: “Alla conduzione di Sanremo non ci penso, l’idea è nata così per caso ma potrei anche farlo, perché no…” Era stato proprio a Un Giorno da Pecora, su Rai Radio 1, che il cantante aveva espresso per la prima volta la volontà di cimentarsi in questa grande impresa. 

Al Bano: “Condurre Sanremo? Se mi alleno bene perché no”|SCOPRI
 
Chi parteciperebbe al super festival di Al Bano? “Celentano, Morandi, Ranieri. Ma anche J-Ax e Rovazzi” dice il cantante di Felicità, prima di esprimere la sua opinione sul concorso appena conclusosi, quello di quest’anno. La sua canzone preferita è quella di Simona Cristicchi, che lui definisce un fine dicitore. E di Soldi di Mahmood, che ha vinto, cosa ne pensa? “E’ simpatica, per carità. Secondo me però, con tutto il rispetto di tutti coloro che fanno rap stanno uccidendo la melodia italiana. O è l’Italia che sta andando verso il rap, oppure si è americanizzata concedendosi degli schemi verbali in italiano”.
 
P.L.

Loading...

Loading...