Il rapper rilancia la polemica dopo il selfie negato da Obama

Fedez nei giorni scorsi ha raccontato un’esilarante scenetta che lo ha coinvolto durante la sua permanenza a San Francisco. Fedez, sempre attivissimo sui social come la sua dolce metà, Chiara Ferragni, ha ricevuto un due di picche da un personaggio molto importante… l’ex Presidente degli Stati Uniti Barack Obama! Il rapper si trovava a San Francisco per la presentazione di un nuovo modello di smartphone, e mentre stava eseguendo la sua quotidiana seduta di fitness si è ritrovato di fianco proprio il Presidente!

La sua story su Instagram è divertentissima, Fedez spiega come il suo primo istinto è stato quello di fiondarsi su Barack Obama e chiedergli una foto. Ma continua “Ho tenuto a freno la mia italianità, ed ho aspettato per poi avvicinarmi quando ha iniziato a fare pesi”. Così, quando l’ex Presidente era sulla panca, il rapper si è avvicinato e gli ha chiesto un selfie. Barack lo ha guardato e ha esordito con un secco no. Ecco come la racconta Fedez: “Lui mi guarda con questo sorriso da Presidente americano che ti infonde fiducia e mi ha detto ‘no’.”

Loading...

Emma Marrone contro Salvini, urla sul palco: “Aprite i porti!” |SCOPRI

Federico Baroni: “Disordine sono io, è quello che ho in testa” |LEGGI

Una collega dell’artista, Fiorella Mannoia ha commentato con un deciso “Ha fatto bene” il rifiuto dell’ex Presidente americano suscitando l’immediata reazione di Fedez: “Ieri ho semplicemente raccontato una storia di chiaro stampo ironico, che a chiunque fosse successa l’avrebbe raccontata, è stata ripresa da tutte le testate online e riportata come una notizia di rilievo. La cosa che mi stupisce di più sono le persone che perdono tempo a insultarmi su una storia raccontata in modo semplice e simpatica”.

Italia’s Got Talent ricerca gli ultimi talenti |LEGGI

“E Fiorella Mannoia, un’artista a suo modo impegnata – questo è l’attacco di Fedez – ci ha tenuto a dire che Obama ha fatto bene a dirmi di no a fare la foto. Come se io mi fossi offeso, ma l’ho raccontata col sorriso. Fiorella, scegliti meglio le tue battaglie, perché questa è una causa persa. Sono le persone come te che leggono queste notizie e le commentano che danno vita a questi genocidi dell’informazione”.

Loading...