“E’ un lavoro che richiede tanto studio”, dice Stefania a Rumors.it

Ha iniziato con un blog, Stefania Bravi, classe 1992, danzatrice ed esperta di moda. Risale al 2013 l’apertura de “The Cherry Jam”, nome curioso. “L’ho chiamato così perché in quegli anni ero appassionata di marmellata di ciliege”, ci racconta “e perché la marmellata mi ricorda un insieme di cose, di consigli che avevo deciso di dedicare alla moda”. Nel corso degli anni questo blog si è evoluto, adesso è un’agenzia di comunicazione che crea contenuti per dei brand. 

Per Stefania un influencer è soprattutto una persona che suggerisce un lifestyle, un modo di vestirsi e che interpreta un brand. “Siamo in tanti e siamo tutti diversi. La cosa interessante è che ogni persona è in grado di interpetrare un brand con il proprio stile. Un brand decide di affidarsi a una persona che tramite il proprio punto di vista cerca di proporre alle persone che la seguono il modo in cui indossare o utilizzare un prodotto.”

Loading...

Mara Bosisio: “C’è la voglia di ritornare alla semplicità delle cose” |SCOPRI

Damante e De Lellis: ritorno di fiamma? Ecco il post-Irama |LEGGI

Quando le chiediamo a chi si ispira nel variegato mondo delle influencer, Stefania non ha dubbi e cita Eleonora Carisi: “Mi piace il suo aspetto artistico e il fatto che non sia improntata in un’ottica prettamente commerciale, ma un po’ più editoriale ed artistico.” E chi ama del mondo dello spettacolo? “Seguo molto la stilista Elisabetta Franchi, la reputo un punto di riferimento nel mondo della moda. Veste molti personaggi televisivi ed è riuscita a creare una grande strategia di comunicazione anche tramite le sue storie Instagram. Seguendola ci si rende conto che è un personaggio davvero forte. Ha raggiunto molte persone del mondo televisivo, molti personaggi, presentatori e show girls.”

Ambra Angiolini protagonista dei segreti di un piccolo borgo |SCOPRI

Foto: Ufficio Stampa

Oggi le influencer spopolano e addirittura in Spagna c’è una facoltà universitaria che aiuta a formarsi in questo senso. Tu consiglieresti un’esperienza del genere? “Assolutamente sì e penso che sia fondamentale studiare perché i Social sono un grande strumento di comunicazione, però devono essere utilizzati in maniera intelligente. C’è talmente tanto materiale che adesso quelli che fanno la differenza sono solamente le persone che effettivamente studiano.”

Loading...