dig

La C3 ufficiale al via del tricolore con l’equipaggio Rossetti-Mori

Vincente sulla strada e vincente nei Rally. La Citroën C3 sta mietendo successi di vendita importanti ed è tra le auto più gradite dal pubblico italiano (oltre 40 mila vendite in Italia nel 2018), ma anche la sua declinazione sportiva è protagonista di primo piano nel mondiale rally dove peraltro si è aggiudicata la vittoria nel prestigioso rally di Montecarlo e più recentemente nel rally del Messico. Oggi la versione sportiva della piccola francese lancia la sfida anche nel campionato italiano con un programma che prevede la partecipazione ufficiale alle otto prove del tricolore 2019. Il pilota scelto per dare l’assalto al campionato è il 43enne di Pordenone Luca Rossetti al cui fianco ci sarà la navigatrice vicentina Eleonora Mori.

Loading...

Il curriculum sportivo del pilota friulano è di tutto rispetto : Nato a Pordenone nel 1976, Luca Rossetti ha debuttato nel Campionato Italiano Rally e ha fatto le sue prime esperienze internazionali proprio al volante di una vettura Citroën, classificandosi tredicesimo assoluto e terzo di categoria al Rally di Montecarlo del 2004 con la Saxo. Notevole anche la sua esperienza internazionale.

Peugeot, anteprima a Ginevra per la nuova 208|scopri

Nel suo palmarès ci sono, infatti, quattro successi parziali nell’Intercontinental Rally Challange e sette nell’Europeo, campionato che si è aggiudicato tre volte, stabilendo un vero e proprio record. Nel 2012 ha conquistato il Campionato turco. In campo nazionale Luca Rossetti si è aggiudicato il Campionato Italiano Rally 2008 con una vettura di Groupe PSA, Il sodalizio con la navigatrice Eleonora Mori nasce nel 2014. I due i ritrovano casualmente a fare un Test in quel di Brescia quando il pilota Pordenonese è già tre volte Campione Europeo, Turco e Italiano. Da lì, dopo alcuni test e varie prove, si ritrovano a vincere il Rally di Piancavallo nell’agosto 2015 con una Peugeot 208 T16.
Dopo questo episodio, inizia per Eleonora il percorso di apprendimento per imparare a stare a fianco del pluricampione. La navigatrice vicentina viene istruita per sostituire il fido navigatore di Luca per 14 anni, Matteo Chiarcossi e dal 2016 lo affianca stabilmente.

C5 Aircross, il comfort è servito|guarda


La C3 R5 che Citroën Italia schiererà nel CIR 2019 è stata messa a punto da Citroën Racing come risultato di un progetto nato alla fine del 2016 con l’intento di realizzare una vettura per la competizione clienti che divenisse il riferimento per tutta la categoria R5. Il team dei tecnici ha lavorato soprattutto sul motore (elettronica e sistema anti lag del turbocompressore) per ottenere una gestione ottimale della potenza sviluppata. Il motore della C3 R5 è un quattro cilindri di 1.6 litri disposto trasversalmente, con distribuzione a doppio albero a camme in testa e 16 valvole. Il risultato è una potenza di 282 CV .


La trazione è integrale permanente Nella sua partecipazione al CIR la C3 R5 con la livrea di Citroën Italia potrà contare sulla fattiva collaborazione di Pirelli per quanto riguarda gli pneumatici e sulla struttura tecnica di Fabrizio Fabbri (storico partner sportivo di Groupe PSA Italia) per quanto riguarda la preparazione della vettura e l’assistenza in gara. Primo appuntamento il 22 marzo al rally del Ciocco.

Francesco Ippolito

Loading...