Foto:Instagram

Nicolò Bettarini:”La giustizia italiana fa schifo”.

Lo scorso 1° Luglio, davanti alla discoteca Old Fashion di Milano, Nicolò Bettarini, figlio di Simona Ventura e Stefano Bettarini, è stato accoltellato da Davide Caddeo, il 30enne è stato poi condannato a 9 anni di prigione. Oggi la notizia che nessuno si sarebe mai aspettato, Davide Caddeo è stato scarcerato e andrà in comunità. Come spiega Milano Today una delle motivazioni che ha deciso la sua scarcerazione sarebbe la “difficile vita” dell’uomo, tossicodipendente dall’adolescenza, e la “funzione rieducativa” della pena. L’aggressore infatti sarà agli arresti domiciliari e avrà l’obbligo di lavorare in una comunità e di frequentare un centro di cura per tossicodipendenti.

Questa notizia, ovviememtne, è arrivata anche allo stesso Betarini che su Instagram pubblica delle storie nelle quali mostra tutta la sua rabbia e malcontento anhce per il lavoro svolto dal suo avvocato. Le storie sul profilo iniziano così: “Ho il diavolo dentro. Questo è un paese di m…. dove la giustizia non c’è. Mi sono rotto il c…. di stare zitto, stasera dirò la mia”. Nei video che seguono Bettarini afferma che fa le storie su Instagram solo perchè secondo lui è l’unico modo per arrivare alle persone e continua: “La giustizia italiana fa schifo”.

Loading...

Barbara D’Urso: “Ecco perché ho accettato la sfida della prima serata”|LEGGI

Nick Jonas stupisce la moglie con un regalo inaspettato|SCOPRI

Poi si sfoga verso l’avvocato e lo accusa di averlo abbandonato e di non avergli fatto sapere niente per mesi. Lo stesso avvocato voleva che Nicolò si presentasse al programma televisivo “porta a porta” per spiegare il lavoro svolto dall’avvocato stesso, ma il ragazzo non volle presentarsi perchè si era ripromesso, a detta sua, di non parlare più dell’accaduto e dopo l’ultima sentenza l’avvocato non si era più fatto senite lasciando il caso di Bettarini sospeso. Poi si rivolge al giudice che ha rilasciato il suo aggressore facendogli ironiamente i complimenti per la decisione presa dopo che Davide Caddeo era stato condannato a 9 anni per tentato omicidio, e ora, dopo un mese dalla sentenza, il giudice decide di scarcerarlo e di metterlo ai domiciliari con permesso di lavoro.

Bettarini inoltre ha detto che una delle motivizioni del suo sfogo su instagram è il fatto che, dopo la sentenza, lui si era esposto, affermando che era stato fortunato perchè con lui la giustizia era stata giusta, ma ora vuole disdire e conclude dicendo: “Per nessuno c’è giustizia, manca proprio il senso di giustizia”. Finito con le storie, Bettarini pubblica una foto di un leone, che a quanto pare è l’animale che più lo rappresenta visto anche il tatuaggio che ha sulla mano che riporta il volto di un leone, e scrive come didascalia: “meglio morto che come voi”

Loading...