Foto: Ufficio Stampa

Le riprese del nuovo film partiranno da maggio

Al via la preparazione di Cetto c’è, il grande ritorno al cinema di Cetto La Qualunque, indimenticabile personaggio creato e interpretato da Antonio Albanese. Un immaginario seguito di Qualunquemente e Tutto tutto niente niente, che negli anni scorsi hanno riscosso grande successo di pubblico e critica. Cetto c’è è scritto dallo stesso Albanese con Piero Guerrera e la regia sarà firmata da Giulio Manfredonia. Le riprese partiranno a metà maggio e dureranno circa otto settimane.
Nato ad Olginate nella provincia di Lecco nel 1964, Albanese non è solo attore di cinema, teatro e televisione, ma anche regista, imitatore e scrittore. Infatti ha più volte pubblicato in forma di libro i monologhi più esilaranti dei suoi spettacoli. Artista poliedrico, che si è fatto subito notare per la sua comicità un po’ fuori dagli schemi.
Foto: Ufficio Stampa

Zachari Levi, il suo superpotere? L’empatia | ESPLORA

Debutta in televisione grazie al Maurizio Costanzo Show, diventando ospite fisso del varietà Su la testa. Il successo, però, arriva con Mai dire gol, dove i suoi surreali personaggi conquistano il pubblico e alcuni diventano protagonisti dei suoi film. Il più famoso è proprio Cetto La Qualunque, personaggio politico ambiguo e satirico, con un’idea distorta della legalità.

Loading...

Masterchef: una finale contro gli sprechi | GUARDA

Del suo vissuto familiare Albanese dice: “Mi ricordo i viaggi per tornare giù alle Madonie. Venticinque ore, da Milano a Termini Imerese”. A quindici anni Antonio Albanese comincia a lavorare come tornitore in una fabbrica di macchine utensili, mette i dischi in una piccola radio privata e a ventidue anni si iscrive ad un corso di teatro. Oggi Antonio Albanese vive a Milano e quando ha del tempo, tra una ripresa e l’altra, va a pescare a Rocco Canavese, in Piemonte.

Loading...