Foto: Cosimo Buccolieri

Laura Pausini e Biagio Antonacci rivelano i loro momenti bui

Laura Pausini e Biagio Antonacci sono la nuova power couple della musica italiana. Nel loro futuro un tour insieme, e nel frattempo un giro di interviste che loro, amici da sempre, vivono con piacere. Nei giorni scorsi ad esempio hanno raccontato del loro percorso, senza nascondere i momenti più difficili, a partire dalla gavetta. Hanno continuato rivelando le proposte sexy ricevute dai follower e la loro opinione riguardo alla musica trap.

Biagio Antonacci ha dichiarato di aver cominciato a fare piano bar verso l’età di 17 anni anni, mentre cantava canzoni di cantautori intimissimi. “Facevo Concato, Tenco, De Andrè. E facevo anche il geometra. Tornavo a casa attorno alle 3.30 di notte e la mattina alle 7.00 aprivo il cantiere”. Proprio così, Biagio per tanti anni si è diviso tra la sua attuale passione e il lavoro da geometra perché non poteva permettersi di vivere soltanto di musica.

Loading...

Anche Laura Pausini ha cominciato facendo piano bar, all’età però di 8 anni, grazie all’aiuto del papà che l’ha invitata a cantare in un ristorante di Bologna per il suo ottavo compleanno. “Da quel momento abbiamo preparato un repertorio. Non sognavo di fare la cantante famosa – ha raccontato Laura – ero già molto soddisfatta e piena della musica che già esisteva”.

Avicii torna a vivere nei nostri cuori con “SOS”|LEGGI

fonte: ufficio stampa

Cristina D’avena continua ad emozionare i più piccoli|CLICCA QUI

La cantante, ospite insieme a Biagio su Radio 2 per la trasmissione I Lunatici, si è commossa confessando il momento di maggiore difficoltà della sua carriera. “Il momento più difficile è stato nel 2012. Purtroppo c’è stato un incidente sul palcoscenico a Reggio Calabria ed è scomparso un ragazzo, Matteo, che lavorava con noi. Per me è stato scioccante – ha riferito Laura – avevo deciso che non avrei più voluto fare questo mestiere.”

Levante nella bufera: il vescovo non la vuole a Lecce|SCOPRI

Antonacci ha raccontato di quando suo padre è venuto a mancare tre giorni prima di un suo concerto allo Stadio di Bari. “Ho fatto il funerale a mio padre e il giorno dopo, praticamente, ho cantato con questo lutto incredibile. Lì ho capito quanto fosse potente la musica – ha affermato Biagio – e quanti insegnamenti importanti ci abbiano trasmesso i nostri genitori.”

Loading...