Foto: PrPhotos

L’attore è scomparso nel marzo 2019 e appare nel film “C’era una volta… a Hollywood” di Tarantino

Durante la cerimonia di premiazione degli Oscar 2020, tenutasi a Hollywood domenica 9 febbraio, non sono mancati gli omaggi e i ricordi dei grandi scomparsi dell’ultimo anno: da Kirk Douglas a Franco Zeffirelli, fino ad arrivare al giocatore di basket Kobe Bryant. Tutti, a eccezione della star di “Beverly Hills” Luke Perry, venuto a mancare lo scorso marzo, all’età di 52 anni, a causa di un ictus. Ed è subito scoppiata la polemica.

Pur non essendoci fisicamente, l’attore era comunque presente virtualmente, grazie alla partecipazione al film di Quentin Tarantino “C’era una volta… a Hollywood”, in cui Perry interpreta l’attore Wayne Maunder. Si è trattato della sua ultima apparizione sul grande schermo, mentre in tv è stato uno dei protagonisti della serie “Riverdale”, che ha dedicato tutti gli episodi successivi alla sua morte proprio al grande attore. Nonostante ciò, Perry non era presente nel filmato “In Memoriam”, il video commemorativo che ha omaggiato le personalità del grande schermo decedute durante il 2019, accompagnato dal brano Yesterday dei Beatles, interpretato da Billie Eilish.

Oscar 2020, red carpet: i look top e flop della notte magica|LEGGI

Foto: Rumors.it

Oscar 2020: Spike Lee e il suo commovente tributo a Kobe Bryant|LEGGI

In molti si sono indignati di fronte a questa dimenticanza, esprimendo tutto il proprio disappunto sui social network: “Come è possibile che si siano dimenticati di lui?” hanno commentato i fan su Instagram e Twitter; “Un grave errore, imperdonabile”, hanno twittato altre persone.

Oscar 2020, Joaquin Phoenix: “Sono stato egoista e crudele”|LEGGI

Tra i colleghi che lo ricordano più calorosamente nei suoi  ultimi giorni di lavoro vi è Brad Pitt, anche lui presente nel film di Tarantino e premiato come miglior attore non protagonista. Nel numero estivo di “Enquire” del 2019, Pitt racconta l’emozione provata insieme a Di Caprio la prima volta che hanno visto Perry in azione sul set di “C’era una volta… a Hollywood”: “Eravamo come bambini in un negozio di giocattoli, perché ricordo quando andavo agli Studios e andava in onda “Beverly Hills 90210″, lui era un’icona, un figo per tutti noi teenager. Ho avuto questo strano colpo di eccitazione al pensiero di poter recitare con lui”.