MasterChef  Italia: si avvicina la finale e Vincenzo e Giulia tolgono il grembiule

Hanno osato, hanno messo da parte le loro certezze, hanno gioito e hanno pianto. Nella puntata di MasterChef Italia in onda ieri sera, la Masterclass ha perso due pezzi forti: Vincenzo e Giulia, tra i giudizi risoluti ma commossi di Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo e Giorgio Locatelli, hanno dovuto abbandonare per sempre la cucina del cooking show. Per loro MasterChef è stata un’occasione di riscatto, un’opportunità per riscoprire se stessi. La finale, però, si avvicina e a questo punto della gara non si può più abbassare la guardia.

Il nono appuntamento del cooking show di Sky, prodotto da Endemol Shine Italy, si è aperto con una Mystery Box molto particolare, nella quale gli aspiranti chef hanno scelto una delle inusuali accoppiate di latte e farina (farro, soia, riso, cocco, canapa) per preparare un piatto usando un metodo di cottura deciso dalla sorte. A rendere gli ingredienti davvero protagonisti del piatto è stato Davide che, con un match perfetto di estetica e sapori, si è guadagnato il vantaggio nell’Invention Test dal tema cucina di lago. Il vincitore della Mystery ha avuto la possibilità di scegliere quale piatto del giovane e talentuoso Chef stellato Davide Caranchini replicare e come distribuire le tre proposte ai compagni. Gli assaggi hanno decretato la vittoria di Giulia, capitano di brigata nella prova in esterna, mentre il salmerino, troppo sapido a causa della marinatura sbagliata, ha presentato un conto altrettanto salato a Vincenzo causando la sua eliminazione.

Billie Eilish canta James Bond: è uscita “No Time To Die” |SCOPRI

MasterChef 9, eliminati puntata 9: Giulia e Vincenzo.. Foto: Sky

Robert Pattinson: il suo primo sguardo da Batman |SCOPRI

MasterChef 9: gli eliminati della puntata 9, Giulia e Vincenzo. Foto: Sky

GF Vip 4: stasera nuovo appuntamento all’insegna dell’amore |LEGGI

Di seguito, nel secondo episodio, i giudici hanno accolto gli otto aspiranti chef ancora in gara nel cuore di Milano, in Brera. Sostituirsi alle brigate di due ristoranti molto noti, il Santa Virginia e il Da i Gemelli, è stato per le brigate capitanate da Giulia (blu) e Nicolò (rossa) un duro banco di prova. La gestione delle comande e l’organizzazione dei gruppi di lavoro hanno mandato in confusione gli aspiranti chef e hanno fatto innervosire non poco i giudici. L’annuncio della brigata vincente è stato un momento emozionante per i concorrenti: il sindaco di Milano Beppe Sala ha comunicato la vittoria della brigata rossa che, senza perdere tempo, è volata sulla balconata della salvezza. Al Pressure Test gli aspiranti chef hanno dovuto affrontare, a coppie, la preparazione del Vesuvio di Rigatoni, piatto cardine della cucina a due stelle Michelin di Alfonso ed Ernesto Iaccarino. La preparazione di Davide e Giulia, uniti nella prova, è stata deludente e, al duello finale, il piatto di Giulia non ha soddisfatto le aspettative dei giudici. La giovane trevigiana ha, quindi, tolto per sempre il grembiule di MasterChef.

Noi di Rumors.it siamo in conferenza stampa dove si è presentata solo Giulia, mentre con Vincenzo siamo in collegamento telefonico e ci dice subito che con i concorrenti (in particolare Davide) si è trovato benissimo. Per quanto riguarda i giudici cita soprattutto il bel rapporto che c’è stato con Antonino Cannavacciuolo, con gli altri c’è comunque stato un rapporto di rispetto.

Cosa è andato storto per Vincenzo? Un semplice, ma fatale errore di distrazione. forse dovuto all’eccessiva sicurezza: sono quegli incidenti che consentono di fare un po’ di autocritica. E invece cosa dice la simpatica Giulia che ha la cucina come sua grande passione? Parte dallo spaghettone mediterraneo che l’ha un po’ tradita (“Se ci penso mi mordo le mani”) e sono saltate  fuori un po’ di cose legate alla sua emotività.

Il giudice preferito è Giorgio Locatelli: “Una botta di vita, un incontro di umanità pazzesco”. Con gli altri concorrenti non ci sono stati screzi, “è una grande famiglia”. Ci sono stati momenti di tensione, ma per il resto si facevano grandi risate.  Per il futuro si vede in cucina “è un obbligo morale per me, non potrei fare altro, ci devo stare”.