fbpx
Connect
To Top

Ashton Kutcher non si sentiva apprezzato da Demi Moore?

In un’intervista l’attore parla indirettamente della moglie.

Molti sostengono che, quando finisce un matrimonio, le ‘colpe’ vanno equamente distribuite. Nella nota vicenda relativa alla fine della relazione tra Ashton Kutcher e Demi Moore, l’opinione pubblica sembra aver affidato all’attore il ruolo di ‘cattivo’, in quanto lui non solo ha tradito la moglie ma si è anche fatto ‘beccare’ in maniera piuttosto grossolana (le immagini del suo festino si trovano praticamente ovunque), suscitando uno scandalo che sta avendo grandissimo risalto sui media.

In un’intervista rilasciata al magazine ‘Men’s Health’ prima dell’annuncio del divorzio, l’attore parla d’amore e di matrimonio, e sembra che cerchi in qualche modo di giustificarsi  per il suo comportamento.

A proposito di ciò che può far funzionare un rapporto, nell’intervista Kutcher dice che a suo parere non bisogna “aspettare di avere un problema per lavorare sulle cose“. “L’obiettivo non è quello di entrare in una relazione, l’obiettivo è quello di vivere in una relazione“, spiega ancora.

Comunque, lavorare su una relazione per migliorarla vale la pena solo “…quando essa è buona”, precisa Ashton, che rivela di aver “abbastanza paura del fallimento. Ma io non lo vedo come qualcosa di inevitabile”.

Kutcher non cita l’ex moglie, ma sembra parlare di lei quando dichiara: “Non potrei mai stare con una donna che sente il bisogno di cambiarmi”.

E ancora: “Vorrei solo che una donna, un giorno, da qualche parte, ad un certo punto della mia vita mi dicesse: ‘Tu sei un grande ascoltatore’. Io non l’ho ancora sentito, e questo è un complimento straordinario da ricevere da una donna. Ma ho intenzione di lavorarci”.

Chissà se la scarsa capacità di ascolto dell’attore rientrerà nel novero delle differenze inconciliabili addotte da Demi per chiedere il divorzio?



Articoli simili in Gossip