Uno dei concorrenti più apprezzati lascia il talent e ritrova le sue “paperine”.

La gente si accalca per vederlo, per toccarlo, per congratularsi con lui e per stringergli la mano. Lo chiamano da ogni parte, lo acclamano con cori da stadio, lo stordiscono con flash degli smartphone, delle macchine fotografiche digitali, dei tablet. Alberto è così, un bohémien un po’ blasé, un tombeur de femmes, un’artista dei fornelli, una persona davvero carismatica e capace di farsi amare da tutti, come chef e soprattutto come uomo.

Un personaggio per tutte le stagioni, apprezzato dagli zero ai novantanove anni. Anche se di anni ne ha ancora solo sessantotto e se ne sente… al massimo venti. Nonostante la sua prematura eliminazione “agli ottavi”, erano in tanti, pure fra gli addetti ai lavori, a pronosticarne almeno un posto sul podio, siamo sicuri che lo rivedremo molto presto in televisione. O forse ad insegnare a preparare quegli squisiti dolci che ha sempre adorato e di cui è un maestro indiscusso.

Loading...

Alberto © Nicolò Canziani / Rumors.it

Ma la sua voglia di andare avanti non è bastata: se la cucina è un po’ una storia d’amore, come ha scritto in uno dei suoi celebri aforismi, la sua si è interrotta davanti ai neri aculei di quei ricci che non è riuscito o non ha voluto pulire e mettere in quella pasta. Siamo andati a intervistarlo e abbiamo scoperto che…

Nicolò Canziani

Loading...