Il quinto masterchef italiano è la concorrente romagnola.

Erano rimasti in 3: Alida, Erica e Lorenzo, i tre migliori cuochi di questa quinta edizione che si sono contesi il titolo nel doppio episodio finale di MasterChef Italia. Alla fine, nella sfida per la vittoria con il menù degustazione, si sono confrontati due mondi molto diversi, quasi oposti.

Loading...

Il tecnicismo forse pure esasperato di Alida con Equlibrio e sinestesie, alla ricerca di un equlibrio fra i contrasti piatto dopo piatto dal grande effetto scenico a confronto con Erica che proponeva una rivisitazione ambiziosa delle sue tradizioni con Niente è facile ma nulla è impossibile.

A sorpresa è stata Erica con la sua passione e il calore delle sue tradizioni ad agguantare la vittoria, confrontandosi con una giovanissima e agguerrita Alida che ha voluto proporre un menù estremo e di grande impatto.

I giudici Bruno Barbieri, Antonino Cannavacciuolo, Carlo Cracco e Joe Bastianich ne hanno seguito il percorso in queste 11 settimane, hanno assistito ai loro trionfi, alle lotte, alle sofferenze, a tutte le montagne russe di emozioni che hanno accompagnato i tre finalisti.

Tre storie e tre modi di intendere la cucina molto diversi: la giovane torinese Alida che, dopo un rapporto controverso con il cibo, ne ha fatto la sua forma d’espressione; Erica, la mamma single di Ravenna che, nonostante l’emotività, ha conquistato i giudici e Lorenzo, il macellaio originario della provincia di Vicenza che, partito in sordina, ha meritatamente conquistato il suo posto in finale.

Nella prima prova della serata con la Mystery Box, i tre concorrenti hanno dovuto preparare un piatto utilizzando gli ingredienti principali della loro primissima prova, quella che gli è valsa un posto nella MasterClass ed è stata già lì Erica a convincere di più.

Poi in due ore e mezzo con il menù degustazione completo Erica con una grinta travolgente, sostenuta da mamma e papà e dal suo caro amico Giovanni ha conquistato la vittoria portandosi a casa 100.000 euro in gettoni d’oro e l’opportunità di pubblicare un libro di ricette originali edito da Baldini & Castoldi.

Con ingredienti portati direttamente dall’azienda agricola di famiglia, la giovane mamma ha preparato un menu completo di ben 5 portate dal titolo beneaugurante “Niente è facile, ma nulla è impossibile”, ovvero: cocktail di scampi marinati con centrifugato di mela verde, sedano, zenzero e gin; bis di capasanta cotta e cruda; una zuppa dal titolo “E’ nato prima l’uovo o la gallina?”; risotto con un sentore di limone, gamberi rossi di Mazara del Vallo e animelle di vitello fritte; trancio di spigola con pelle croccante su uno zoccoletto di melanzane, concassè di pomodori e pinoli tostati e, per chiudere, tortino al cioccolato con cuore di frutti di bosco.
 
Dall’altra parte della cucina Alida si è difesa bene con il suo menu “Equilibrio e sinestesie”: gnocco di seppia al coriandolo e lime su crema di zucchine, polvere nera e fiore croccante; ricciola affumicata al legno di faggio con alghe wakame e brodo di miso allo zenzero e lemon grass; risotto al rognone al sentore di funghi, caffè e lamponi ghiacciati; baccala cotto in oliocottura con crema di mandorle, patate e anice stellato con pomodori confit (e una goccia di olio essenziale di fiori di arancio sulla mano di ogni giudice); terra al cioccolato con una spuma di ricotta aromatizzata al miele e al rum, canditi misti, mostarda piccante e un sorbetto di ananas al pepe rosa e, per chiudere, un infuso tiepido frizzante con lime, peperoncino e erbe aromatiche.  

Per la vincitrice Erica  la cucina è sinonimo di famiglia, unione e di piatti che si tramandano di generazione in generazione e la vittoria rappresenta una vera e propria occasione per riprendere in mano la sua vita e per stravolgerla del tutto e sognare di aprire un agriturismo a Conventello, dove si trova l’azienda agricola dei suoi genitori.
 

Loading...